Cronaca Viale Antonio Aldini

Omicidio viale Aldini: "E' stato il compagno della Caramazza a comprare il congelatore"

Si tratterebbe di una prova schiacciante contro Giulio Caria, che ha sempre negato e fornito informazioni diverse: il venditore del freezeer lo ha riconosciuto

E' stato rintracciato l'uomo che ha venduto a Giulio Caria il congelatore dove era stato nascosto il corpo della fidanzata, Silvia Caramazza, la donna di 39 anni uccisa a Bologna e ritrovata nel proprio appartamento di viale Aldini il 27 giugno. Caria, 34 anni, attualmente in carcere a Sassari, è accusato di omicidio e occultamento di cadavere.

LA DATA DELLA SCOMPARSA: SILVIA NON ERA PARTITA? A quanto si apprende il freezer a pozzetto è stato consegnato a Caria tra il 9 e il 10 giugno: su questo la squadra Mobile della polizia (la sezione Omicidi guidata da Davide Corazzini) sta svolgendo ancora accertamenti. Il rivenditore è stato individuato grazie ad un lungo e accurato lavoro su tabulati telefonici. Avrebbe già confermato il fatto con gli investigatori e riconosciuto Caria.

UN'ALTRA PROVA. Avrebbe detto che il fidanzato della vittima era andato nel negozio ad acquistare l'elettrodomestico. Poi un altra persona l'ha consegnato a casa. Dopo il ritrovamento del materasso macchiato di sangue si tratta di un altro punto messo a segno dagli investigatori: "E' la riprova dell'ottimo lavoro svolto fin dall'inizio dalla squadra mobile", ha commentato il procuratore aggiunto e portavoce della Procura, Valter Giovannini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio viale Aldini: "E' stato il compagno della Caramazza a comprare il congelatore"

BolognaToday è in caricamento