rotate-mobile
Cronaca Casalecchio di Reno

Omicidio Casalecchio: morto dopo cena avvelenata, chiesto l'ergastolo per il figliastro

Nessuno sconto di pena per Alessandro Leon Asoli, 20 anni, accusato di aver ucciso il patrigno e del tentato omicidio della madre

Ergastolo. E' la richiesta che arriva dalle aule del tribunale per Alessandro Leon Asoli, 20 anni, accusato di aver ucciso il patrigno somministrandogli un piatto di pasta avvelenato. Si aggiunge la richiesta di condanna a 18 anni per il tentato omicidio della madre. Nessuno sconto dunque dalla Procura di Bologna per colui che è ritenuto l'artefice dell'omicidio consumato a Casalecchio nell'aprile del 2021, che ha visto vittima un uomo di 56anni, Loreno Grimaldi.

La cena avvelenata, la morte del patrigno e la madre in ospedale per un mese

Da quanto ricostruito dai carabinieri, il giovane nell'aprile del 2021 avvelenò la madre e il marito di lei pareparando per loro delle penne al salmone a cui avrebbe aggiunto nitrito di sodio. I due si erano subito accorti del cattivo sapore del piatto, ma il patrigno  aveva mangiato tutto per non scontentare il ragazzo che aveva mostrato particolare dedizione nel prepararlo. Così per l'uomo non c'è stato nulla da fare. La conserte si era invece salvata proprio perchè dopo qualche forchettata aveva desistito. Si era sentita male, era stata trattenuta dal figlio nel soccorrere il marito agonizzante, anzi - come ha poi raccontato in tribunale - sarebbe stata aggredita dal figlio, che cercando di soffocarla le avrebbe detto "perchè non muori".

Fortunatamente è riuscita a divincolarsi e scappare sul pianerottolo, chiedendo aiuto e facendo così scattare l'allerta. Soccorsa, è stata ricoverata un mese in ospedale.

La fuga, il veleno in camera e l'incontro mamma-figlio in tribunale

Il ragazzo nella circostanza si era dato alla fuga, ma poco dopo era stato rintracciato nella casa dei nonni. Nella sua stanza i militari sequestrarono altre sostanze tossiche, tra le quali una pianta velenosa, ordinata su Internet e pagata con la carta di credito della madre. Secondo la  versione dei fatti resa dal giovane non avrebbe avvelenato lui il patrigno, sarebbe invece stata opera della madre, della cui aggressione si era però detto colpevole.

Dalla tragedia dell'aprile 2021 madre e figlio non si erano più incontrati. L'ultimo incontro-scontro in aula.  

VIDEO | Omicidio Casalecchio, il racconto choc  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Casalecchio: morto dopo cena avvelenata, chiesto l'ergastolo per il figliastro

BolognaToday è in caricamento