Omicidio Balboni, lettera dei familiari del 16enne detenuto: 'Scosso e pentito, sa che deve pagare'

Gli avvocati della difesa del ragazzo reo confesso chiedono ai media riserbo sulla vicenda

Il ragazzo di 16 anni reo confesso dell'omicidio dell'amico e coetaneo Giuseppe Balboni è"scosso", "pentito di quanto fatto e si rende conto della gravità della situazione" ed è consapevole "che deve pagare, che vuole pagare" per quanto fatto.

Sono le parole riferite agli avvocati della difesa Pietro Gabriele e Icilia Leoni, in risposta alle domande rivolte loro della stampa locale davanti al carcere minorile del Pratello, dove il 16enne è rinchiuso da giovedì scorso con l'accusa di omicidio volontario, aggravato dai futili motivi e dall'occultamento del cadavere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Funerali Giuseppe Balboni a Castelletto, gli amici: "Tu uno di noi, per sempre"

Sulla vicenda per mano dei legali è stata riassunto anche una lettera scritta dai genitori del giovane detenuto indirizzata alla famiglia Balboni e ai media, chiedendo riserbo. "Quello che è accaduto -cita Leoni- è di una gravità inenarrabile e che ha sconvolto due famiglie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Mordano, forzano il posto di blocco e investono un Carabiniere: ricercati per tentato omicidio

Torna su
BolognaToday è in caricamento