rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Quanto vale la vita di un uomo?

Operaio muore sul lavoro: 4 condanne, 100 mila euro per la vedova e risarcimento all'Anmil

9 mesi, con pena sospesa. Stabilito anche il pagamento di 5mila euro per l'Associazione lavoratori mutilati e invalidi del lavoro che si era costituita parte civile

Dopo 5 anni arrivano le condanne con l'accusa di omicidio colposo  per la morte di Lefter Sulaj, l'operaio di origini albanese che  nell'estate del 2016 volò giù da unìimplacatura alta 20 metri nel cantiere nel quale era al lavoro su via Irnerio. L'incidente, secondo la ricostruzione, sarebbe avvennuto per lo slittamento di un asse non fissato che fungeva da passerella senza protezioni, posta a collegamento tra un terrazzo e una finestra.

La condanna per  gli imputati -proprietari dell'immobile e dei titolari delle ditte incaricate della ristrutturazione.- è di 9 mesi, con pena sospesa. Così riferisce l'Ansa, aggiungendo che è subordinata al pagamento di 100mila euro di provvisionale nei confronti della vedova del manovale. A questa somma si s aggiunge il pagamento di 5mila euro stabilito dal giudice in favore di Anmil (Associazione fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro) che si era costituita parte civile.  

I quattro sono arrivati a processo dopo una imputazione coatta decisa dal Gip in seguito a tre richieste di archiviazione avanzate da due pm.  Anche davanti al Gup la Procura aveva chiesto per gli imputati l'assoluzione.

(IN altro foto di repertorio)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio muore sul lavoro: 4 condanne, 100 mila euro per la vedova e risarcimento all'Anmil

BolognaToday è in caricamento