Ordinanza di Capodanno: in città vietati petardi e fuochi d'artificio

Oggi la firma di Merola: evitare lesioni per uso improprio o malfunzionamento di petardi e fuochi d'artificio, effetti traumatici verso le persone malate, anziane e animali da compagnia

Quest'anno a Bologna un Capodanno più "silenzioso". Il  Sindaco di  Bologna oggi rende effettiva un'ordinanza per disporre il divieto di scoppi di petardi, fuochi d'artificio e simili dalle ore 12 del 24 dicembre  2012  al 1° gennaio 2013, su tutto il territorio comunale. La decisione  è  stata  presa da Merola  per evitare i danni frequenti dovuti ai "botti" di Capodanno: troppe le lesioni alle persone, anche gravi, provocate dall'uso improprio o  dal  malfunzionamento  di  petardi  e fuochi d'artificio, nonché effetti traumatici verso le persone malate, anziane e negli animali da compagnia.

Per  questo  motivo  dalle  ore  12 della Vigilia di Natale  fino alle ore 7 del 1° gennaio  ai detentori di materiale pirotecnico, non titolari di licenza (articolo  57  del  TULPS), né autorizzati all'attuazione di manifestazioni pirotecniche  in  luoghi  pubblici  è  fatto  divieto  di effettuare, e far effettuare,  lo  scoppio  di  petardi, mortaretti ed artifici similari e di ogni  tipo  di fuoco pirotecnico in luogo pubblico o di uso pubblico, e nei luoghi  privati da cui possano essere raggiunte o interessate direttamente aree  e  spazi  ad  uso  pubblico.  E' altresì vietato l'utilizzo di fuochi pirotecnici,  non  posti  in  libera  vendita, nei luoghi privati, senza la licenza (all'art. 57 TULPS) e l'utilizzo di fuochi pirotecnici, anche posti in  libera  vendita,  nei luoghi privati senza rispettare le istruzioni per l'uso stabilite sulle etichette e le prescrizioni contenute nel Dl 58/2010.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero precipitato ad Argelato: morto in ospedale il giovane pilota

  • Precipita con l'aereo, morto a 23 anni: chi era la vittima

  • Perdita d'acqua in via Indipendenza, negozi allagati e disagi al traffico | VIDEO - FOTO

  • Al Maggiore primo intervento al mondo di asportazione di colon e fegato eseguito con robot

  • Musica a tutto volume nel condominio, i carabinieri gli staccano la luce

  • Coronavirus, gli studiosi Unibo: "Potrebbe arrivare dal pangolino, trovati possibili farmaci"

Torna su
BolognaToday è in caricamento