Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico / Via Riva di Reno

L'ultima frontiera dell'arte: ragno-artista tesse ragnatele in via Riva di Reno

L'idea è della pittrice Ornella Stingo e l'estro tutto del ragnetto "Stellino" che vende le sue ragnatele nell'atelier di via Riva Reno

Che la natura sia e sia sempre stata una fonte di ispirazione inesauribile per gli artisti di tutti i tempi è evidente. Il caso del Ragno Stellino però è storia ben diversa: questo esemplare di Argiope Bruennichi infatti (più comunemente chiamato Ragno Vespa per via dei suoi colori) con le sue splendide ragnatele non solo ha suscitato l'attenzione e la stima della pittrice Ornella Stingo, è anche stato scelto come artista per un'esposizione alquanto atipica proprio a Bologna. Lo spettacolo è fruibile in via Riva di Reno, dalla vetrina dell'atelier dell'artista nota in città per i suoi "Falsi d'Autore".

Di che si tratta? Le ragnatele di Stellino sono incorniciate ed esposte proprio come una qualsiasi collezione pittorica. Per capire meglio il progetto abbiamo posto le domande del caso direttamente alla Stingo:

Come ti è venuta questa idea?

L'idea l'avevo nel cassetto già da tempo, la cosa difficile è stata procurare il ragno che, non riuscendo a trovare sui nostri colli, mi ha inviato  un mio amico agricoltore della provincia di Chieti! Una volta arrivato il periodo dei ragnetti, lui sapeva dove andarli a cercare e mi ha trovato una giovane femmina di Argiope Bruennichi, comunemente chiamato "ragno vespa" per il colore  tipico a righe giallo/verde e nero (il maschio non ha questi colori ed è di dimensioni inferiori, la femmina arriva anche a 6 cm). Io l'ho chiamata Ragno Stellino perchè è l'anagramma del mio nome e cognome, vista la nostra collaborazione simbiotica per realizzare le opere!

In cosa consistono queste originalissime "opere d'arte"?

Si tratta di delicate ragnatele inserite in cornici fatte con elementi naturali: base di legno ricoperta con muschio, oppure  sabbia, o legno...

Quale la tecnica per mantenere intatta la ragnatela?

Non posso svelare il "segreto dell'artista " sulle modalità usate per ottenere questi piccoli "gioielli naturali". Il prezzo è accessibilissimo (solo 180 euro) tutti da collezionare.

L'artista sei tu o è Ragno Stellino?

L'artista è esposto in vetrina, non è velenoso e ringrazia chiunque voglia portare mosche vive in barattolo!

CHI E' ORNELLA STINGO. Ornella Stingo nasce a Rovigo nel 1971. Inizia la sua attività a Napoli subito dopo il diploma di Liceo Scientifico. Nel 1990 accede all'Accademia di Belle Arti che abbandonerà dopo aver maturato l'interesse per l'illustrazione ed il fumetto e dopo l'improvvisa scomparsa del fumettista Attilio Micheluzzi che l'avrebbe guidata con entusiasmo. Fino al 1998 lavora per le più importanti Agenzie pubblicitarie di Napoli e  Case Editrici, realizzando, tra le tante, le illustrazioni per i manifesti del meeting dei G7 (Napoli 1994) Nel '99 si trasferisce a Bologna dove apre il suo atelièr di via Volturno dedicandosi a tempo pieno alla pittura e alle decorazioni d'interni (trompe l'oeil). La sua versatilità le permette di muoversi agevolmente anche in settori come scultura, vetrofania, tecnica dell'acquaforte e di riuscire a riprodurre fedelmente quadri di qualsiasi artista (www.falsidautore.net ). Lo stile iperrealista, che predilige fra i tanti, le consente di realizzare dipinti a livello fotografico. La ricerca decennale sulla ritrattistica la ripaga con il consenso di personalità in vista, alcuni dei quali suoi clienti, come : Philippe Daverio, Roberto Baggio, Lucio Dalla, Vittoria Cappelli, Celso Valli, Tonetto (calciatore), Pavan (calciatore), Roberto Sèrvile (baritono), Stefano Bonaga, l'Università di Bologna Dip.di Matematica, l'Istituto Ciamician (Bo), il Gran Maestro Venzi, Capri Palace Hotel (due ritratti di Gwynet Palthrow per la suite PENTHOUSE a lei dedicata). Nel 2008 trasferisce l'atelier in via Riva di Reno. Ha inoltre realizzato alcune performances artistiche che l'hanno portata ad avere l'attenzione dei media locali e nazionali e per le quali è stata invitata personalmente da Vittorio Sgarbi ad esporre presso il Padiglione Italia della Biennale di Venezia (2012).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ultima frontiera dell'arte: ragno-artista tesse ragnatele in via Riva di Reno

BolognaToday è in caricamento