Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Traffico d'oro nei trolley: ecco come operava la banda della moda| VIDEO

Il Procuratore di Bologna Giuseppe Amato spiega i dettagli dell'operazione della Guardia di Finanza 'Pietra filosofale'

 

Settanta kg di oro, di un valore di 2,5 milioni di euro, 1 milione e mezzo di euro in contanti e un sequestro preventivo pari a 7,4 milioni di euro tra beni e disponibilità finanziarie degli indagati e delle società. 

Sono questi i numeri dell'operazione 'Pietra filosofale' della Guardia di Finanza, che ha portato all'arresto di dieci persone tra Emilia Romagna, Toscana, Abruzzo e Basilicata. 

Il capobanda, un cinquantenne turco, viaggiava per l'Europa con l'oro nel trolley per ripulire soldi fatti in "nero" da imprenditori cinesi della moda a Prato. Facendo scalo per lo più al Marconi di Bologna, ma passando anche per altri aeroporti italiani, come Fiumicino e Pisa.

Raggiungeva la Toscana per raccogliere il denaro, poi acquistava oro da compiacenti imprenditori dell'aretino. I lingotti venivano quindi trasferiti all'estero: Turchia ma anche Grecia e Francia, nascosti nella stiva di aerei di linea. L'oro veniva poi rivenduto nei mercati ufficiali e attraverso una complessa trama di bonifici estero su estero finiva su conti dei committenti cinesi.

L'indagine della Guardia di Finanza di Bologna è partita nel 2015 da una segnalazione arrivata dalla Turchia. Quando a Istanbul era appena atterrato A.S.T, cittadino turco classe 1968, trovato in possesso di vari lingotti d'oro. Da allora il faccendiere è stato sottoposto a ripetuti controlli e diversi sequestri, ma ha continuato imperterrito a portare oro fuori dall'Italia, facendo diversi viaggi al mese.

La banda criminale era composta da 29 soggetti di diverse nazionalità: italiani, turchi, cinesi e rumeni.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento