menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sant'Orsola, ritardi nelle assunzioni: ma il policlinico nega

Ad oggi "mancano 20 operatori socio-sanitari, 27 infermieri, tre tecnici di radiologia e due tecnici di laboratorio", ma l'ospedale fa sapere: 'Rispetto alle 234 assunzioni che dovevano essere effettuate ne sono state realizzate 222"

"Pesanti" ritardi nelle assunzioni del personale al Policlinico Sant'Orsola con "gravi ripercussioni sull'assistenza" e meno riposi per i lavoratori. Lo dicono i sindacati di categoria Fp-Cgil, Cisl-Fp e Fpl-Uil che denunciano "una incapacità organizzativa e gestionale" con "colpevoli ritardi nella assunzione in servizio di decine di professionisti". I rinvii sarebbero confermati anche dalla direzione che in una nota specifica: "I tempi di reclutamento risultano non congrui per la garanzia della continuità assistenziale con gravi ripercussioni sull'assistenza, nonchè in materia di applicazione della legge 161/2014, per i numerosi doppi turni con conseguenti mancati riposi H24 e 11 ore di riposo consecutivo".

Quindi per i sindacati si tratta di una "dichiarazione del fallimento della direzione e l'incapacità di prevedere in anticipo i problemi noti da molto tempo". Secondo Cgil, Cisl e Uil, infatti, "da tempo la direzione scarica le proprie responsabilità sul servizio amministrativo unificato e sulla medicina del lavoro, indicandoli come capro espiatorio di una situazione divenuta insostenibile". Ad oggi, conteggiano i sindacati, "mancano 20 operatori socio-sanitari, 27 infermieri, tre tecnici di radiologia e due tecnici di laboratorio e nessuno ha la minima idea dei tempi di assunzione. Arriveranno a estate terminata, compromettendo la qualità dell'assistenza offerta ai cittadini".

Il reparto ostetricia, ad esempio, avrebbe una carenza di sette ostetriche, il 25% in meno di ciò che servirebbe". Il Policlinico ha autorizzato il reclutamento, "ma le ostetriche sanno con certezza che sarà un'estate lacrime e sangue. Pazzesco pensare che il Sant'Orsola possa funzionare in queste condizioni", chiosano i sindacati. Che affondano il colpo. "In un momento in cui molti si riempono la bocca dei progetti di fusione o integrazione dei servizi e delle aziende sanitarie- attaccano Cgil, Cisl e Uil- sarebbe meglio pensare a risolvere i problemi veri, quelli quotidiani di cui si occupano i sindacati. La stanchezza del personale massacrato da anni di tagli, delle loro salute e di come continuare a garantire servizi di qualità nei prossimi anni".

Ma il policlinico nega: "Non esiste alcun grave ritardo nellattuazione del Piano. Rispetto alle 234 assunzioni che dovevano essere effettuate per il comparto ne sono state realizzate 222, pari al 94,8%. Tra la dirigenza, invece, su 54 assunzioni previste ne sono state condotte in porto 42 - fanno sapere - in base all'ultima rilevazione mensile, a fine aprile lavorano al Sant'Orsola 160 persone in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, di cui ben 150 infermieri. Sono stati inoltri programmati gli ingressi di 7 ostetriche entro la metà di luglio e sono in arrivo ulteriori 53 assunzioni tra infermieri, OSS e tecnici".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento