Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca Ozzano dell'Emilia

Picchia la compagna e coltiva erba in casa

La donna è finita al Pronto Soccorso con 20 giorni di prognosi, sequestrate serra e piante. Braccialetto elettronico e divieto di avvicinamento anche per un 36enne

QUI PER ISCRIVERSI AL CANALE WHATSAPP DI BOLOGNATODAY

Lesioni personale aggravate e coltivazione di sostanze stupefacenti. Questi i reati dei quali deve rispondere un 34enne italiano. 

A far scattare le denunce dei Carabinieri della Stazione di Ozzano dell'Emilia, ieri sera, in tarda serata, la telefonata al 112 di una donna italiana sulla cinquantina, che ha riferito di essere stata picchiata dal compagno, durante una lite. 

La vittima è stata trasportata al pronto soccorso dai sanitari del 118, con prognosi di venti giorni, ma ha anche riferito ai Carabinieri che l'uomo, disoccupato e già pregiudicato, avrebbe coltivato droga in serra.

All'atto della perquisizione, i militari hanno sequestrato e consegnato al Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti (L.A.S.S.) del Comando Provinciale tre piante di Cannabis e un involucro di cellophane con frammenti di hashish. In casa vi era inoltre un bilancino di precisione e una serra utilizzata per la coltivazione domestica delle piante.

Persecuzioni dopo il divorzio 

I Carabinieri della Stazione di Imola hanno eseguito l'ormai quasi quotidiana ordinanza della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa (ex moglie e figli minori) con braccialetto elettronico, nei confronti di un cittadino albanese 36enne, indagato dalla Procura della Repubblica di Bologna per atti persecutori.

La misura cautelare, emessa dal GIP, è stata motivata dalla denuncia dell’ex moglie dell’indagato, preoccupata anche per i due figli minorenni. Ha riferito ai militari che l'ex marito la tormentava e pedinava, nonostante la fine della relazione e la sentenza di divorzio che aveva disposto l’affidamento esclusivo dei figli alla madre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la compagna e coltiva erba in casa
BolognaToday è in caricamento