In arrivo fondi per gli scavi di Claterna a Ozzano, il sindaco: 'Premiato l'impegno dell'Amministrazione'

"L'idea di riportare alla luce oggetti, mosaici, case, piazze appartenute all'epoca romana sicuramente piace a tutti noi perchè rappresentano le nostre radici"

"La parte del leone la farà Bologna che, grazie a questo stanziamento, riuscirà a realizzare un progetto che da tempo è nei sogni della città, vale a dire il restauro dell'ex Convento dell'Annunziata in via San Mamolo, ma anche noi a Ozzano siamo ben contenti di constatare che il Ministero ha avuto un occhio di riguardo nei confronti del nostro territorio". Lo dice il sindaco Luca Lelli dopo lo stanziamento di 136mila euro, interamente destinati agli scavi di Claterna e un ulteriore stanziamento destinato a scavi e restauro di reperti e manufatti di epoca diversa da quella romana "ma sempre reperiti sul nostro territorio"

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha infatti stanziato oltre 10 milioni di euro per la Regione Emilia-Romagna, fondi che verranno erogati nel biennio 2019-2020 e 136mila serviranno per portare avanti gli scavi.

"L'idea di riportare alla luce oggetti, mosaici, case, piazze appartenute all'epoca romana sicuramente piace a tutti noi perchè rappresentano le nostre radici, molte delle nostre città sono di epoca romana e ci rispecchiano ancora oggi - continua Lelli - ma organizzare e coordinare degli scavi è un'attività che richiede molto tempo in quanto vengono fatti in gran parte e mano, e soprattutto molte risorse economiche che gli Enti pubblici, da soli, spesso non riescono a sostenere - inoltre - gli sponsor dei privati non sono così frequenti. Negli anni noi siamo stati fortunati e alcuni sponsor da privati, provenienti da aziende del territorio e non, li abbiamo avuti e anche grazie a loro siamo riusciti a mantenere aperti e operativi gli scavi, a consolidarli e grazie alla preziosa collaborazione della Soprintendenza di Bologna, nel marzo di quest'anno abbiamo inaugurato, al secondo piano del Palazzo della Cultura, il Museo Città di Claterna dove sono esposti e visibili al pubblico molti dei reperti ritrovati negli scavi sulla via Emilia".

Il progetto dell'apertura del Museo, sottolinea il sindaco "era uno dei punti contenuti nel precedente programma di mandato e siamo ben lieti di essere riusciti a realizzarlo. Speriamo ora che molte persone abbiamo il desiderio e la curiosita' di venire a visitarlo ed anche che molti insegnanti siano spronati a portare le loro classi"  
Lo stanziamento dei 136 mila euro  sarà destinato, in particolare, al restauro dei mosaici e alla risistemazione della copertura della Domus che li contiene e tutti gli interventi saranno coordinati dalla sede della Soprintendenza di Bologna. "Sono molto soddisfatto per l'attenzione dimostrata dal Ministero verso il nostro territorio e questo stanziamento rappresenta un premio per il nostro impegno continuo per la valorizzazione del sito di Claterna e per il prezioso apporto avuto, in questi anni, dalla Soprintendenza di Bologna".

VIDEO: Sugli scavi dell'antica città di Claterna

Claterna

Sorta nella prima metà del II secolo a.C., Claterna raggiunse dimensioni pari o superiori a quelle di Bononia (Bologna) e Forum Cornelii (Imola), per poi scomparire, misteriosamente, attorno al VI secolo d.C. A partire dal 1891 diverse campagne di scavo hanno messo in luce reperti di notevole interesse, come strade, case, fognature, iscrizioni, oggetti d'uso e d'ornamento. Le campagne archeologiche, portate avanti negli ultimi decenni con sistematicità, stanno restituendo importanti testimonianze della storia del Bolognese orientale.
Particolarmente interessanti sono i resti di una domus di età imperiale, pavimentata a mosaico e cocciopesto, con eleganti decorazioni geometriche o ispirate a motivi vegetali. Visibile anche l'incrocio fra la via Emilia e il cardo massimo, principali strade della città antica, oltre ai piani di un'officina artigianale attiva negli ultimi secoli di vita della città. (fonte: Bologna Welcome)

Potrebbe interessarti

  • 7 alimenti che fanno ingrassare invece che dimagrire

  • Un faro in montagna? Esiste a Gaggio Montano

  • Amanti del vinile? 4 imperdibili negozi a Bologna

  • Perché assumere magnesio è importante: tutti i cibi che lo contengono

I più letti della settimana

  • Incidente in A1, un morto: traffico bloccato la domenica del rientro

  • Nuova rotta Ryanair: da Bologna a Kutaisi due volte a settimana

  • West Nile, zanzare positive a San Giovanni in Persiceto

  • Concorsi pubblici, Unibo cerca 57 amministrativi: c'è tempo fino al 5 settembre

  • San Lazzaro, azzarda un'inversione e provoca incidente: incastrato dalle telecamere

  • Incidente a Monterenzio: Suv si ribalta e blocca la carreggiata, disagi al traffico

Torna su
BolognaToday è in caricamento