Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Spedisce pacco bomba per vendicarsi di un vecchio flop in affari: arrestato pensionato per omicidio

Un 68enne di San Lazzaro è stato ammanettato per tentato omicidio: aveva spedito diversi ordigni esplosivi al socio che aveva negli anni 80 e che colpevolizza per il fallimento dell'attività

Un uomo pensionato incensurato è stato arrestato dai Carabinieri per tentato omicidio (guarda IL VIDEO): si voleva vendicare per una vicenda d’affari risalente agli anni Ottanta e ha mandato alla vittima predestinata un pacco bomba. I Carabinieri di Medicina hanno così messo le manette a M.G., 68enne di San Lazzaro di Savena per tentato omicidio tramite ordigno esplosivo. L’arresto è stato eseguito al termine di un’articolata attività d’indagine iniziata lo scorso febbraio, quando un pensionato di Castel Guelfo si era presentato dai Carabinieri perché aveva ricevuto un pacco postale contenente alcuni fili elettrici e una polvere grigiastra.

IL TIPO DI ORDIGNO ESPLOSIVO. Il dispositivo era stato esaminato dai Carabinieri Artificieri Antisabotaggio del Comando Provinciale di Bologna che lo avevano riconosciuto come un ordigno potenzialmente pericoloso, di quelli del tipo I.E.D. (Esplosivo Improvvisato Attivato dalla Vittima). I.E.D. è un congegno composto generalmente da oltre 200 grammi di polvere pirica che viene incendiata da un innesco “a sfregamento” che, nel caso del pensionato di Castel Guelfo, era rimasto inattivo per mera casualità, probabilmente grazie al modo con cui la vittima aveva aperto la busta, spostando involontariamente il meccanismo. Sempre secondo l’analisi degli artificieri, l’ordigno, sebbene rudimentale, per il quantitativo di polvere immessa sarebbe stato sufficiente a provocare gravissime lesioni e perfino la morte, specie se aperto in un luogo chiuso. La vittima ha reagito alla situazione con grande incredulità perché non aveva assolutamente idea di chi avesse fatto una cosa del genere.

ANALIZZATI I POSSIBILI "NEMICI" CAPACI ANCHE DI UCCIDERLO. Lo stupore manifestato dall’anziano è stato avvalorato dalle indagini dei Carabinieri di Medicina che hanno passato al setaccio la vita del pensionato, verificandone le relazioni, amicizie, frequentazioni, attività lavorative e ricreative analizzando, soggetto per soggetto, praticamente tutti coloro che avevano avuto a che fare con lui. Mentre le indagini per individuare il mittente proseguivano senza sosta, nell’aprile 2013 la vittima ha chiesto nuovamente aiuto ai Carabinieri perché nella cassetta postale dell’abitazione c’era un altro pacco sospetto, un ordigno uguale al precedente, ma con una dose di polvere pirica minore e simile a quella contenuta nei comuni artifizi pirotecnici di libera vendita.

COINVOLTI ANCHE GLI UOMINI DEL RIS DI PARMA. Anche il RIS dei Carabinieri di Parma è stato interessato per eseguire verifiche tecniche e la loro competenza è stata preziosa perché il loro lavoro ha permesso di scoprire una traccia fondamentale alla riuscita delle indagini: nella prima busta è stata trovata un’impronta digitale che l’attentatore aveva lasciato su un supporto adesivo interno. Nel secondo plico, il criminale, per costruire la bomba, aveva utilizzato la confezione di un medicinale, un farmaco betabloccante, di larghissimo uso in caso di malattie cardiache. L’attenzione degli investigatori si è quindi concentrata sui numeri di codice riportati sulla scatola, relativi al farmaco acquistato che potevano consentire di risalire al beneficiario della ricetta risalente al 2010. Il compito è stato affidato ad altri specialisti dell’Arma, i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Bologna. Nel frattempo, i Carabinieri di Medicina hanno proseguito le indagini tradizionali, concentrandosi sulle immagini registrate dalle videocamere di sorveglianza di un ufficio postale di Bologna, da dove era partito il secondo pacco.

Con la collaborazione dei dipendenti delle poste, i militari hanno stabilito, con assoluta precisione da quale sportello era partito il pacco. La svolta nelle indagini è arrivata quando è stato individuato un soggetto anziano con capelli bianchi, maglietta verde militare, zainetto beige e un’andatura particolare a causa di uno stomaco molto pronunciato nonostante l’apparenza normopeso del resto del corpo. I filmati sono stati ripetutamente visionati dai militari operanti, che, così facendo, hanno acquisito una certa “familiarità” con le forme e l’andatura del soggetto, un elemento essenziale per un riconoscimento visivo. E’ stata stabilita una zona di controllo che partiva dai due uffici postali interessati fino a comprendere il quartiere di Bologna Mazzini e l’immediata periferia di San Lazzaro di Savena. I militari hanno parlato con gli esercenti, i medici di base, i farmacisti, i dipendenti dei supermercati, i parroci e, comunque, le persone del posto, nel tentativo di giungere all’identificazione del soggetto che, dopo due tentativi andati a vuoto, avrebbe potuto reiterare il grave atto.

IDENTIFICAZIONE E PEDINAMENTO. Qualche giorno fa, finalmente, un Carabiniere che stava cercando il sospettato ha visto una persona anziana che, per caratteristiche somatiche ed andatura, somigliava al soggetto ripreso dalle videocamere di sorveglianza. L’indiziato è stato pedinato e bloccato nei pressi di un supermercato di San Lazzaro di Savena. Inizialmente, l’uomo ha negato ogni accusa, ma di fronte all’evidenza dei fatti è crollato, ammettendo le proprie responsabilità. Ulteriori elementi a suffragio dell’indagine investigativa sono arrivati con l’esito della perquisizione eseguita presso l’abitazione del sessantottenne.

Nella casa dell’uomo sono stati trovati e sequestrati numerosi involucri vuoti di artifizi pirotecnici, totalmente compatibili con la polvere pirica che costituiva i due pacchi incendiari, nonché una ulteriore scatola con 50 petardi ancora da aprire, indizio probabile che, visti i due insuccessi precedenti, il soggetto aveva l’intenzione di tentare ancora una volta. Un’altra prova certa della colpevolezza dell’uomo è arrivata con il rapporto dei NAS che era riuscito a risalire, tramite gli uffici competenti al pagamento del servizio sanitario nazionale al destinatario della ricetta: il codice rinvenuto nella scatola di medicine corrispondeva a M.G., l’intestatario della ricetta rilasciata dal suo medico curante e che aveva acquistato il farmaco in una farmacia di San Lazzaro di Savena. Il movente sarebbe stato il RANCORE che l’attentatore provava ancora nei confronti della vittima per una vicenda d’affari tra i due che si era conclusa negli anni Ottanta.

IL MOTIVO DI TANTO RANCORE. I due, infatti, agli inizi degli anni ’80, avevano aperto insieme un locale pubblico sulle colline dell’hinterland bolognese, nel quale l’attentatore aveva investito buona parte delle proprie risorse economiche di allora, derivanti da una cospicua eredità, attività che, purtroppo, finiva con un fallimento del quale l’uomo attribuiva la responsabilità proprio alla vittima. Successive vicissitudini negative dell’uomo, facevano maturare in lui il convincimento che l’artefice del fallimento sostanziale della propria vita fosse da attribuire proprio al suo ex socio. Complice una ricorrente depressione, per le quali l’attentatore è risultato essere in cura, ed un costante e crescente rancore, la pressione emotiva ed il risentimento hanno continuato a crescere nella mente dell’uomo, fino a giungere alla decisione, ritenuta l’unica percorribile, di vendicarsi per il male (vero o presunto) subito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spedisce pacco bomba per vendicarsi di un vecchio flop in affari: arrestato pensionato per omicidio

BolognaToday è in caricamento