Diabete infantile, pane e raviole in nome Zanardi per aiutare la ricerca

L'iniziativa promossa da Aics in ricordo dell'elezione del "sindaco del pane"

Foto agenzia Dire

Pane e raviole bolognesi in vendita a Palazzo d'Accursio per finanziare la ricerca a favore dei bambini affetti da diabete di tipo 1. Torna anche quest'anno l'iniziativa solidale "Il pane di Zanardi" promossa da Aics e associazione panificatori per ricordare il 106esimo anniversario dell' elezione di Francesco Zanardi a sindaco di Bologna, con la lista "Pane e alfabeto", le cui azioni gli varranno il soprannome appunto di "sindaco del pane".

Durante tutta la mattinata il cortile di Palazzo d'Accursio ha ospitato il banchetto per vendere, a cifre simboliche, pane e raviole ai cittadini bolognesi, il cui ricavato andrà all'associazione Giovani diabetici, che a sua volta finanzierà la ricerca sulla malattia.

"È un messaggio di solidarietà, di attenzione e di memoria storica - spiega Serafino D'Onofrio, presidente di Aics Bologna - da questo grande esempio di questo sindaco, di queste amministrazioni solidali che hanno fatto tanto per i cittadini di allora è possibile trarre ancora esempi e indicazioni per quelle che sono le attività e le emergenze di oggi".

Tra i meriti di Zanardi vi fu anche l'accoglienza a Bologna, durante i postumi della Prima guerra mondiale nel Natale del 1919-1920, di 640 bambini denutriti provenienti dall'Austria, che era il "nemico" di allora. Similmente, l'iniziativa di oggi aiuterà altri bambini in difficoltà, nello specifico quelli affetti da diabete.

"Il ricavato va alla nostra associazione, ma soprattutto alla ricerca - spiega Salvatore Santoro, presidente dell'associazione Giovani diabetici - già da alcuni anni noi abbiamo deciso di destinare lì i soldi, non solo di quest'iniziativa ma di tutta la nostra raccolta fondi". Santoro in particolare riferisce, tra i progetti finanziati, di una ricerca che indaga le cellule staminali della placenta e del cordone ombelicale coordinata dall'Università di Bologna, con un'unità facente capo alla facoltà di Medicina diretto da Andrea Pession e Laura Bonsi, e dal Diabete research Institute dell'Università di Miami (Stati uniti), diretto dall'italiano Camillo Ricordi.

Durante l'iniziativa, cominciata alle 7.30 e terminata all'ora di pranzo, si sono registrate le presenze anche degli assessori comunali Matteo Lepore (Cultura) e Alberto Aitini (Sicurezza). "Anche quest'anno ringrazio l'Aics e le associazioni che promuovono l'iniziativa - dichiara Lepore - Zanardi decise di non lasciare indietro nessuno e decise di mettere a disposizione il Comune per la comunità in un momento di grande difficoltà per far sì che nessuno rimanesse indietro". (Dire)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accanto al banchetto, alle 10.30 è andato in scena lo spettacolo dei burattini di Riccardo Pazzaglia per i bambini del centro estivo Aics delle scuole Ercolani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +544 nuovi casi, boom a Bologna

  • Test sierologici gratuiti e rapidi, ecco l'elenco delle farmacie aderenti a Bologna e provincia

  • Bar e ristoranti, nuova ordinanza: fissato il termine di chiusure e riaperture

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • 23 ottobre, sciopero nazionale treni e bus: cosa c'è da sapere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento