menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'area bimbi in Piazza S. Francesco non si fa: 'Giochi vandalizzati in pochi giorni'

'Piazza problematica' e mancherebbero anche le risorse. Il comitato: 'I fondi hanno preso altre strade'

Per ora nessuna area giochi in Piazza San Francesco, come previsto nel progetto di riqualificazione della piazza. "Non abbiamo le risorse - spiega il dirigente del settore Ambiente, Roberto Diolaiti - e in ogni caso quella è una piazza problematica. I giochi verrebbero vandalizzati nel giro di pochi giorni. Dobbiamo valutare anche i costi di manutenzione".

Eppure i cittadini, convocati ieri in udienza conoscitiva a Palazzo D'Accursio dall'ex assessore Andrea Colombo non vogliono rinuncire: "Dobbiamo sottolineare che alcuni degli interventi richiesti e già a suo tempo approvati non sono stati realizzati", critica Leonardo Dingi dell'associazione Cinni ribelli. E' il caso appunto dell'area gioco per bambini, spiega, "da collocarsi in corrispondenza delle aiuole lato Guardia di Finanza. Non è stato realizzato e non se ne parla neanche più, nonostante fosse stato chiarito che l'intervento si sarebbe fatto non appena fosse stato smantellato il cantiere relativo ai lavori sul tetto della Guardia di Finanza". Dunque, insiste Dingi, "la progettazione c'è già e i fondi necessari erano stati individuati nei risparmi in sede di appalto di lavoro di riqualificazione, che sono stati circa 200.000 euro. Ma poi le risorse hanno preso altre strade e l'area giochi si è volatilizzata". Eppure, critica il comitato, "in un quartiere così povero di spazi dedicati ai bambini, sarebbe assurdo non portare avanti questa intenzione". Per l'associazione "favorire la fruizione di piazza San Francesco da parte di un'utenza più familiare e responsabile, disincentiverebbe anche l'abuso che se ne fa nelle ore serali".

Dingi parla anche dell'urgenza di "far rispettare il limite dei 10 chilometri orari vigente ormai da mesi su tutta l'area, limite che viene costantemente infranto" rendendo così la piazza "un'area critica che non può in alcun modo essere ritenuta sicura, e quindi fruibile in sicurezza dagli utenti deboli della strada, se chi vi transita lo fa a velocità illegali e umanamente sconsiderate". La commissione è stata anche l'occasione per il comitato genitori delle scuole Tambroni per tornare alla carica e chiedere la chiusura temporanea della strada "per pochi minuti" in corrispondenza dell'orario di entrata e uscita dalla scuola.

"A settembre partiremo con una nuova mappatura dei percorsi sicuri casa-scuola", annuncia l'assessore alla Mobilità Irene Priolo, ma Colombo incalza: "Mentre facciamo questa mappatura, che aspettiamo da due anni, proviamo a iniziare a sperimentare la chiusura di alcune strade negli orari di entrata e uscita da scuola". (dire) 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento