Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Savena / Via degli Orti

Parco Lunetta Gamberini, trenino rimosso: la protesta dei residenti

Il Quartiere ha risposto "Gioco rimosso in quanto molto usurato e quindi pericoloso per l'utenza". Ma i residenti non ci stanno

"Al rientro in città...una bruttissima sorpresa". A scriverlo in una nota i residenti del Quartiere Santo Stefano e Savena: "Dalla zona adiacente alla Baracchina dei gelati Hakuna Matata, (al Parco Lunetta Gamberini), di fronte alla pista di pattinaggio, è scomparso il trenino di legno rosso".

Che fine ha fatto il Trenino di legno della Lunetta? Si chiedono i bambini, che, al rientro dalle ferie estive, sono arrivati nell'area verde e non hanno visto il loro giochino preferito. 

Alla domanda, inoltrata dalla residente in zona Francesca Divella,  il Quartiere Santo Stefano ha risposto "Gioco rimosso in quanto molto usurato e quindi pericoloso per l'utenza". Ma i residenti non ci stanno: "Il Trenino non era più usurato di molti altri giochi e comunque sarebbe stato meglio un intervento conservativo e non una rimozione così netta e a sorpresa, priva di qualunque genere di avviso o comunicazione ai cittadini e fruitori del gioco. Ancora una volta un intervento che lascia solo il VUOTO. Non è una novità in questa povera estate, probabilmente si tratta di un modus operandi di questa Amministrazione", continuano. 

"Generazioni di bambini hanno imparato a camminare e ad arrampicarsi in quell'area e si sono succeduti su e giù da quel trenino che consentiva loro di mettere in scena il gioco di ruolo del viaggiare"., quindi "un'altra area gioco DESERTA e PRIVATA del suo cuore. Il Trenino non fischierà più? E' già pronto ad attivarsi un comitato di cittadini Pro Lunetta (raccoltosi introno al gruppo Facebook "Gli amici della Lunetta") che intende raccogliere firme e fondi per il ripristino del Trenino al suo posto e la conservazione di un bene che, nel momento in cui è fruito da una collettività , non può essere semplicemente rimosso e dimenticato. I cittadini hanno il diritto di protestare, chiedere conto e cercare soluzioni Collettive per evitare di elaborare collettivamente solo un altro micro lutto dello spazio cittadino, un 'altra micro perdita per la collettività. Un bene comune che scompare, nell'anonimato e nell'assenza di una comunicazione condivisa che ancora una volta non c'è stata..."

A fine giungo scorso, il Comune aveva fatto sapere che l'attuale situazione economica non consentiva di effettuare alcuna reintegrazione dei giochi che per motivi di sicurezza vengono rimossi: "Si eseguono pertanto solo le riparazioni e le rimozioni nei casi limitatamente onerosi e le transennature, a tempo indeterminato per garantire comunque la sicurezza dell'utenza, nelle situazioni in cui i costi di riparazione siano particolarmente elevati".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Lunetta Gamberini, trenino rimosso: la protesta dei residenti

BolognaToday è in caricamento