rotate-mobile
Cronaca

Balzani e Mercalli stroncano il Passante, Orioli in comune: "Non prendiamo in giro nessuno"

Mentre in Question Time vanno avanti le schermaglie in vista della conferenza dei servizi, arrivano gli illustri pareri dei due noti studiosi. L'assessora: "Tecnologie cambiano, osservatorio emissioni serve per questo"

Continua il braccio di ferro politico sul Passante autostradale, anche se ormai è questione di tempo per la esecutività definitiva al progetto di allargamento di tangenziale e autostrada. A una manciata di giorni dalla convocazione della conferenza dei servizi -il prossimo 17 gennaio- che darà il definitivo via libera all'opera, mentre l’assessora alle infrastrutture Valentina Orioli replica alle opposizioni, dalla sinistra del fronte ambientalista sono due i pareri negativi che si abbattono sul Passante stesso.

Due autorevoli scienziati, il chimico Vincenzo Balzani e il climatologo Luca Mercalli stroncano senza mezzi termini l'allargamento di autostrada e tangenziale. Intanto la Rete delle lotte ambientali bolognesi ha già annunciato una biciclettata rumorosa di protesta domenica 16 gennaio, con partenza alle 14.00 da Piazza dell’Unità.

Mercalli e Balzani critici sull'allargamento

Iin un’intervista pubblicata da Napoli Monitor Balzani, professore emerito dell’Università di Bologna e chimico di fama internazionale tra i fondatori del gruppo ‘Energie per l’Italia’, commenta: "Si dice che la soluzione che si è adottata favorisce la transizione ecologica. Non è vero. Questo Passante farà transitare più automobili e più autocarri. Per andare nella direzione giusta, che è quella delle energie rinnovabili, delle ferrovie e dei mezzi elettrici pubblici o privati, il nuovo Passante non aiuta".

Anche Mercalli, interrogato da Bologna for climate justice è dello stesso avviso: "È un po’ come tagliare una gamba sana a una persona – spiega con una metafora Mercalli – e dirgli “ma poi ti do una protesi titanio” e dire che questa è stata un’operazione sostenibile; e il poveraccio dice “ma guarda che la gamba era sana, me la tenevo volentieri com’era, la compensazione non mi ridà ciò che ho perso”: nel caso dell’uso del suolo, nulla ci può ridare il suolo cementificato, e sappiamo che in Italia siamo ormai in una situazione drammatica e, soprattutto in Pianura Padana, il consumo di suolo deve essere assolutamente arrestato".

Assessora in Question Time: "Non prendiamo in giro nessuno"

Sugli aspetti ambientali del Passante di Bologna "non stiamo prendendo in giro nessuno". ripete l'assessora comunale alle nuove mobilità e infrastrutture, Valentina Orioli, intervenendo oggi in aula per rispondere ad un'interrogazione di Stefano Cavedagna (Fdi).  

"Tutto il progetto del Passante, Fase 1 e Fase 2, è molto attento" continua Orioli. La Fase 1 già "include moltissime strategie e azioni per la mitigazione e la compensazione ambientale" e include nelle carte anche la "garanzia della possibilità di predisporre ulteriori gallerie".

Sui famosi elettrofiltri, sulla cui utilità nei giorni scorsi anche uno studio si è espresso L'assessora ribadisce che sui "sistemi di filtrazione più opportuni e efficaci è del tutto legittimo si facciano ulteriori approfondimenti tecnici" perché "abbiamo a che fare con una materia che in questo momento è in forte cambiamento" e perché "vogliamo applicare le tecnologie più nuove ed efficaci per raggiungere gli obiettivi". 

Infine, l'Osservatorio ambientale "fornirà un supporto importante e, tra gli altri compiti, avrà quello di verificare la puntuale e corretta attuazione delle prescrizioni, gli esiti e l'attuazione del programma di monitoraggio ambientale- riepiloga Orioli- e di indicare le azioni che si rendessero ulteriormente necessarie". 

Storica scuola di musica a rischio esproprio per i cantieri di tram e passante: "Serve una sede comunale"

Passante, ancora un no da Legambiente: "Fermatelo"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Balzani e Mercalli stroncano il Passante, Orioli in comune: "Non prendiamo in giro nessuno"

BolognaToday è in caricamento