Cronaca

Da settembre si lavora al Passante Nord. Calderara e Argelato "Noi non ci stiamo"

Mentre a Roma si chiude il sì definitivo dell'opera, le "sindache" Muzic e Priolo si dissociano: "Auspichiamo maggiore trasparenza e rispetto per i Comuni"

Mentre arriva l'ok del Ministero per il "Passante Nord", due Comuni bolognesi dell'hinterland si smarcano dall'accordo raggiunto a Roma. Irene Priolo (Calderara di Reno) e Claudia Muzic (Argelato) mettono infatti in chiaro, in una nota congiunta, che "La sottoscrizione non ha avuto la condivisione delle sottoscritte. In un messaggio rivolto al responsabile degli enti locali del Pd, poiche' l'incontro preliminare a questa firma si e' svolto ieri sera in sede politica e non istituzionale, abbiamo motivato il nostro dissenso e quindi la nostra assenza allo stesso". Ora, aggiungono Priolo e Muzic, "auspichiamo maggiore trasparenza e rispetto per i Comuni in futuro, le premesse non sono state delle migliori".

Il ministero delle Infrastrutture assicura che questa volta e' stato un "incontro decisivo per la realizzazione del Passante autostradale di Bologna", da anni al palo. L'ok alla grande opera, per la quale da settembre si lavorera' al progetto preliminare, viene da un summit tra il ministro Maurizio Lupi, il sindaco di Bologna Virginio Merola, l'assessore alle Infrastrutture della Regione Emilia-Romagna Alfredo Peri, il vicepresidente della Provincia di Bologna Giacomo Venturi e l'amministratore delegato di Autostrade per l'Italia Giovanni Castellucci.

"I contenuti del protocollo, sui quali dovranno pronunciarsi gli organi societari di Autostrade per l'Italia ai primi di settembre- precisa la nota del ministero- riguardano la definizione del tracciato, la progettazione preliminare e quella definitiva da sottoporre la Valutazione di impatto ambientale e alla Conferenza dei servizi".

Lupi sottolinea nella nota "l'importanza di questa firma per un'infrastruttura utile ai cittadini bolognesi e a tutti gli italiani, iniziamo a ragionare per nodi infrastrutturali- aggiunge- rispondendo al bisogno di mobilita' sia a livello locale che a livello nazionale". L'intesa di oggi "mostra ancora una volta la bonta' del metodo di collaborazione tra istituzioni. Ovviamente, una volta approvato, il progetto sara' inserito nella convenzione tra ministero e Autostrade per l'Italia".

(Fonte Dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da settembre si lavora al Passante Nord. Calderara e Argelato "Noi non ci stiamo"

BolognaToday è in caricamento