rotate-mobile
Cronaca

People mover, la navetta è ferma ma la polemica piomba in consiglio comunale

Opposizioni all'attacco, ma anche nei ranghi del Pd si stanno palesando dubbi. Intanto l'aeroporto: "Per ora non ci sono problemi, ma con lo scalo a pieno regime?"

Non solo le opposizioni, ma anche nel Pd si sente ormai la necessità di fare il punto sul precario dossier People Mover, la navetta stazione-aeroporto già sotto sorveglianza speciale per i suoi continui stop e ora di nuovo ferma a tempo indeterminato.

"Sono effettivamente troppi i problemi tecnici che si stanno susseguendo", attacca Francesca Scarano (Lega), eppure "in Italia ci sono strutture simili che stanno funzionando bene senza problemi di sorta". Se si vuole "evitare che la monorotaia bolognese diventi un caso emblematico di inefficienza", continua Scarano presentando un ordine del giorno, sarebbe il caso di "capire come si sono mossi nelle altre città" e di "di avvalersi della collaborazione di studi tecnici specializzati in materia, che hanno contribuito a costruire navette simili in altre regioni italiane".

Anche il Pd chiede lumi, ma opposizioni incalzano

Il Pd, però, si è espresso per il rinvio dell'odg in commissione, "perchè è interesse anche di questa maggioranza approfondire lo stato dell'arte sul People mover", dichiara il capogruppo dem Michele Campaniello, ricordando che sul tema sono già pendenti due udienze conoscitive "ed è opportuno affrontare l'odg nell'ambito di quelle due udienze".

Sempre nel Consiglio di oggi, intanto, anche Samuela Quercioli(Bologna ci piace) propone di comparare il People mover con un altro mezzo su rotaia, puntando però sull'ironia: "Non sarebbe forse il caso di andare a vedere come funziona il Brucomela presente nel parco divertimenti di Mirabilandia?". E' auspicabile che "sia fatta chiarezza in tempi brevi, i cittadini hanno diritto a risposte concrete", afferma poi Quercioli.

Ennesimo guasto al People Mover, mancano i pezzi di ricambio: la Regione convoca i vertici

Francesco Sassone (Fdi) parla di "situazione ormai paradossale: è un'infrasrtuttura che funziona male, lo dicono i dati". Per questo Fdi ribadisce la necessità di "attivare tutte quelle procedure che sono previste dalla concessione, arrivando fino alla risoluzione del contratto se il concessionario non è in grado di adempiere", afferma Sassone: e se intanto il Comune ha sospeso l'erogazione del contributo economico, "peccato però che la metà sia stata già pagata. Se realmente l'amministrazione crede che il concessionario sia inaffidabile, sarebbe opportuno e doveroso che chiedesse indietro anche l'importo già versato per oltre 715.000 euro".

Infine, si fa sentire anche Fi con una dichiarazione della consigliera regionale Valentina Castaldini e del consigliere comunale Nicola Stanzani. E' "grottesco", per Fi, sentire che l'ennesimo stop delle navette "sarebbe dovuto al ritardo nella fornitura dei pezzi di ricambio".

Questo quando, secondo lo studio presentato dall'azienda produttrice in fase autorizzativa, "sono disponibili pezzi di ricambio sufficienti e personale qualificato per l'idoneità per eseguire riparazioni", riportano i due esponenti di Fi, aggiungendo che nei documenti successivi il tempo per reperire i pezzi di ricambio e raggiungere il luogo del guasto era "stimato in 20 minuti".

Castaldini e Stanzani, quindi, chiedono che "si proceda subito ad una ricognizione circa la disponibilità e le tempistiche di approvvigionamento dei pezzi di ricambio da utilizzare in caso di guasto e che si convochino al più presto le udienze conoscitive richieste da diversi mesi in Consiglio comunale e in Assemblea legislativa". (Pam/ Dire)

People Mover di nuovo fermo: "Guasto all'impianto elettrico", attivate le navette

 People Mover, esito dell’istruttoria a Marconi Express: “Stop a contributo per l’anno 2021”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

People mover, la navetta è ferma ma la polemica piomba in consiglio comunale

BolognaToday è in caricamento