rotate-mobile
Cronaca

Strage di Bologna, nuovi esami sui reperti consegnati dai parenti delle vittime

Nei laboratori della Sezione di Chimica del Ris di Roma, saranno prelevate le tracce su alcuni reperti messi a disposizione dai parenti delle vittime e su altri oggetti recuperati dalle macerie all'ex caserma S.Felice di via Prati di Caprara

Proseguirà dopodomani a Roma la perizia chimico-esplosivistica disposta dal presidente della Corte d'Assise di Bologna, Michele Leoni, nell'ambito del processo per concorso nella strage del 2 agosto 1980 a carico dell'ex Nar Gilberto Cavallini.

Alle 10, nei laboratori della Sezione di Chimica del Ris di Roma, saranno infatti prelevate le tracce su alcuni reperti messi a disposizione dai parenti delle vittime e su altri oggetti recuperati dalle macerie all'ex caserma San Felice di via Prati di Caprara a Bologna.

Nel dettaglio, saranno esaminati una chitarra con custodia non originale e una borsetta forniti dai familiari di due delle vittime della strage, in cui morirono 85 persone e oltre 200 rimasero ferite, oltre a due pezzi di stoffa e cuoio, una ciabatta e ceramica e laterizi rinvenuti tra le macerie ai Prati di Caprara. (Dire)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Bologna, nuovi esami sui reperti consegnati dai parenti delle vittime

BolognaToday è in caricamento