Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Writer specializzato in treni nei guai: in casa bombolette, tronchesi e martelletti

Le indagini erano iniziate la scorsa estate per contrastare il fenomeno del graffitismo nelle stazioni ferroviarie: perquisizione domiciliare ai danni di un 33enne

Bombolette spray, acidi, martelletti frangi-vetro e tanti altri strumenti usati dai writers per le loro azioni lungo i binari: questo ciò che è stato rinvenuto a seguito di una perquisizione parte di serrate indagini iniziate la scorsa estate per contrastare il fenomeno del graffitismo nelle stazioni ferroviarie.

In particolare si parla di Portomaggiore e Consadolo, nel ferrarese, dove personale della Polizia Ferroviaria di Ferrara, con la collaborazione dei colleghi della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Ferroviaria per l’Emilia Romagna, ha dato esecuzione appunto ad alcuni decreti di perquisizione emessi dalla Procura della Repubblica di Ferrara. 

Sequestrate 500 bombolette spray a Bologna

Il soggetto controllato è il 33enne N.E., originario della Lombardia ma residente in provincia di Ferrara, ritenuto responsabile di svariati danneggiamenti e deturpamenti commessi in danno di vetture ferroviarie ed infrastrutture di proprietà di Trenitalia. Nel corso delle perquisizioni, eseguite sia nel ferrarese che in territorio lombardo, gli operatori della Polizia Ferroviaria hanno rinvenuto decine di  bombolette di vernice spray di vari colori, sostanze acide utilizzate normalmente dai writer per la preparazione dell’acido fluoridrico impiegato nelle azioni di danneggiamento, materiali per il dosaggio ed il confezionamento degli acidi, un martelletto frangi-vetro in dotazione alle carrozze ferroviarie, una tronchese ed altri oggetti atti ad offendere utilizzati verosimilmente per forzare lucchetti e tagliare recinzioni al fine di accedere alle aree di sosta dei convogli.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Ferrara, proseguono per dimostrare l'appartenenza di N. E. ad una famosa crew di writer attiva tra la Lombardia, l’Emilia Romagna ed il Veneto, in cui si sta ipotizzando il coinvolgimento di alcuni componenti anche nel danneggiamento del ponte di Calatrava a Venezia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Writer specializzato in treni nei guai: in casa bombolette, tronchesi e martelletti

BolognaToday è in caricamento