menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

"Abbattere i lupi ci riporta nel passato", l'appello dei giovani del WWF al Premier

Giovani e ricercatori iscritti al Wwf mettono radici in città, e come primo atto scrivono una lettera aperta al primo ministro Gentiloni. L'appello contro il piano nazionale sull'abbattimento selettivo dei carnivori in cattività

Si sono ritrovati ieri nel tempio della mobilità sostenibile, ovvero la stazione delle biciclette Dynamo, per presentare il progetto e leggere una lettera aperta al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Nell'appello i ragazzi e le ragazze chiedono al premier di ripensare il piano di controllo della fauna selvatica, piano che porterebbe il lupo appenninico, di recente introdotto dopo aver rischiato l'estinzione, a essere abbattuto in cospicuo numero.

WWF YOUng -si legge nella nota- è una comunità di ricercatori e giovani proveniente da tutta Italia. I ragazzi e le ragazze chiedono di intervenire affinché nel Piano Lupo sia scongiurato il rischio di abbattimenti. Assieme ai giovani anche i vertici nazionali, come la Presidente WWF Donatella Bianchi, Paolo Anselmi (membro del Consiglio Nazionale dell'Associazione ) e Dante Caserta, Vice Presidente del WWF Italia.

“Le chiediamo, signor Presidente, di non riportarci indietro di quarant'anni, al tempo del ‘lupo cattivo’ delle favole”, si legge nella richiesta indirizzata a Palazzo Chigi. “Studi internazionali dimostrano che l’uccisione di singoli esemplari, destruttura i branchi d’origine, come accade nei numerosi casi di bracconaggio e può spingere gli altri lupi ad aumentare le predazioni sugli animali domestici.

L’unica strada -dicono i giovani del Wwf- è quella della prevenzione dei danni, praticabile grazie ai fondi già disponibili dei Piani Sviluppo Rurale, per aiutare concretamente gli allevatori e rendere i metodi di allevamento compatibili con la presenza spontanea del lupo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento