Traffico e piano mobilità, Priolo rivendica: "Sì, è una guerra alle auto"

L'assessora del comne di Bologna tiene duro dopo le critiche piovute dal mondo delle concessionarie Ascom

Lo dice chiaro e tondo Irene Priolo, assessora alla Mobilità del Comune di Bologna, che risponde così alle critiche ricevute ieri sul piano della mobilità sostenibile dalla federazione delle concessionarie di auto dell'Ascom. Priolo, intervenuta questa mattina all'incontro sul Pums organizzato da associazioni ambientaliste, dei ciclisti e dei pendolari, tiene dunque il punto e non arretra di un millimetro.

"Sì, per quanto mi riguarda è una guerra alle auto -contrattacca Priolo- nel Pums c'è scritto che dobbiamo ridurre di 440.000 veicoli, come faccio a dire 'avanti tutta' con le auto? Certo che è una guerra alle auto, perché il Pums guarda alla mobilità sostenibile come sistema di soluzione dei problemi. Le scelte che stiamo facendo sono difficili e c'è un livello di gestione del conflitto che ritorna in casa all'amministrazione comunale. Ma arriva un momento in cui le scelte le devi fare, perché altrimenti non succede niente".

Per rafforzare il concetto, Priolo racconta un episodio. "Un cittadino mi ha chiesto se sono matta ad avere recapitato, in questa fase, le raccomandate della Ztl ambientale- dice Priolo- perché dal punto di vista politico siamo in fase elettorale per le regionali a gennaio. E questa ovviamente è una cosa che cambia le consuetudini dei cittadini. Io gli ho risposto che per le scelte non popolari non c'è mai una stagione giusta, che l'amministrazione comunale ogni anno affronta un'elezione. Se io dovessi guardare a questo, non farei niente. La Ztl ambientale da gennaio è una realtà, difficile e complessa. Ma è una realtà", afferma l'assessora.
(San/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

Torna su
BolognaToday è in caricamento