Cronaca Centro Storico / Piazza Aldrovandi

Piazza Aldrovandi, non passa (per ora) l'ipotesi accesso numero chiuso

Se ne è parlato in un tavolo per l'ordine pubblico. Si punta invece su rafforzamento di presidi e street tutor

Per ora più servizi anti-assembramento, contenitori per la raccolta di bottiglie e lattine e pulizie anticipate da parte di Hera, mentre di un eventuale contingentamento degli accessi si discuterà in un secondo momento. Questo, in sintesi, è quanto emerso dalla riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica dedicata ai problemi in piazza Aldrovandi a Bologna, che si è tenuta questa mattina in Prefettura.

Nel corso del summit, fa sapere Palazzo Caprara, il sindaco Virginio Merola, il prefetto Francesca Ferrandino e i rappresentanti delle Forze dell'ordine e della Polizia locale "hanno esaminato e vagliato le ulteriori misure da mettere in campo in chiave preventiva nell'area della piazza".

Notte di musica non stop in piazza Aldrovandi, residente esasperata: "Qui rave per zombie" | VIDEO

Nello specifico, si è deciso di "potenziare i servizi in chiave anti-assembramento, con la presenza congiunta e costante nell'arco serale e notturno di forze di Polizia e Polizia locale", in modo da "garantire in via preventiva il rispetto delle misure anti-assembramento e il decoro urbano". Sul punto, il Comune si è impegnato a "dotare la piazza anche di contenitori destinati alla raccolta di bottiglie e lattine".

Street tutor, partenza ritardata: dopo i primi test, anche in Piazza Aldrovandi

Il primo cittadino, inoltre, "adotterà, come già fatto nei mesi scorsi, provvedimenti per evitare assembramenti e un cattivo utilizzo di una parte della piazza". Infine, "è stata confermata la validità del sistema di anticipo delle attività di pulizia della piazza da parte di Hera, adeguatamente supportata dalla presenza delle forze di Polizia".

Sarà invece "ulteriormente esaminata" in un'altra riunione del Comitato "la proposta, avanzata dal Comune, di contingentare piazza Aldrovandi anche attraverso i controlli degli accessi". In quella sede, conclude la Prefettura, "verrà valutata, sotto il profilo delle politiche di sicurezza, l'applicazione di questa sperimentazione, unitamente ad ulteriori misure di contenimento".
(Ama/ Dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Aldrovandi, non passa (per ora) l'ipotesi accesso numero chiuso

BolognaToday è in caricamento