Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza dei Martiri 1943 - 1945

Piazza dei Martiri e dintorni, il Comune pensa a telecamere e Daspo Urbano

Primo vero banco di prova sul tema sicurezza per il neoassessore Aitini. Attenzione particolare sull'area, recentemente epicentro di episodi di piccola entità che però a volte sfociano anche nella rapina

Daspo e telecamere anche in piazza dei Martiri. E' la misura su cui sta ragionando il Comune di Bologna per risolvere il problema di degrado e illegalità della zona. A spiegarlo è l'assessore alla Sicurezza di Palazzo D'Accursio, Alberto Aitini, rispondendo oggi in Consiglio comunale all'interrogazione del capogruppo Pd, Claudio Mazzanti, che chiede interventi in zona dopo l'aggressione dei giorni scorsi.

"Per quanto ci riguarda- spiega Aitini- la scelta sulla quale stiamo lavorando, all'interno della modifica del Regolamento di Polizia urbana, è di inserire il Daspo anche per l'area di piazza dei Martiri, che potrebbe essere sicuramente di aiuto e da deterrente per fenomeni di illegalità". Inoltre, aggiunge l'assessore, "ho chiesto ai miei uffici di fare una valutazione sull'inserimento di alcune telecamere nella zona, che potrebbero anche quelle essere d'aiuto per eventuali azioni delle forze di polizia", alle quali il Comune ha chiesto maggiori passaggi durante la giornata.

A Hera invece sono stati chiesti più interventi di pulizia della piazza. Secondo l'assessore, però, sulla zona serve "un'opera integrata in uno schema non solo repressivo, ma anche di recupero delle persone che vivono in condizioni disagiate. Anche io ho notato che spesso parliamo di persone che devono essere seguite e aiutate dai nostri operatori sociali- spiega Aitini- purtroppo abbiamo dei casi nei quali questo non è sempre facile, perché i nostri operatori ci segnalano che nonostante il nostro avvicinamento e la nostra proposta di aiuto, spesso ci troviamo di fronte a persone che non facilmente vogliono essere aiutate".

In piazza dei Martiri, comunque, sono "innumerevoli gli interventi compiuti e i provvedimenti adottati nei confronti dei soggetti responsabili dei fenomeni di illegalità e degrado", afferma Aitini, che parla di "allontanamento e sanzioni nei confronti di persone intente a bivaccare o dedite all'accattonaggio", ma anche "parcheggiatori abusivi, nomadi" o chi fa giochi illeciti. "Altri individui recentemente sono stati denunciati per spaccio di stupefacenti, ricettazione, violazioni della normativa in materia di immigrazione e inottemperanza al foglio di via obbligatorio, e per la vendita di merce contraffatta", spiega Aitini. (SAN/DIRE)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza dei Martiri e dintorni, il Comune pensa a telecamere e Daspo Urbano

BolognaToday è in caricamento