rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021

Ancora musica e danze in zona U, il Comitato dei residenti: "Alle 3.20 stanno ancora bongando"|VIDEO

Ancora filmati e foto diffusi dal "Comitato Via Petroni e dintorni"

L'esposto presentato il 23 settembre in procura dal comitato dei residenti "via Petroni e dintorni", sembra non aver destato l'effetto sperato. Questa notte, ancora concerti improvvisati, musica, balli e tanti giovani che hanno ripopolato la zona dopo i mesi dell'emergenza sanitaria e delle lezioni universitarie sospese. 

Filmati e foto sono stati diffusi nuovamente dal Comitato: "Effetto esposto - scrivono - sono le 3.20 e in Piazza. Verdi stanno ancora bongando", ma in verità ci sono anche batteria e chitarra. 

Assembramenti, spaccio, vendita abusiva di alcolici, imbrattamenti, risse, bonghi e musica ad alto volume, situazione, secondo il Comitato "gravemente lesiva di diritti fondamentali come la salute, la quiete, il riposo e la sicurezza", si legge nel testo della denuncia, a firma Giuseppe Sisti, Loris Folegatti e Pietro Maria Alemagna. 

In particolare tra il 18 e il 21 settembre, si legge "si sono verificati in piazza Verdi, con ripercussioni sulle strade adiacenti, in particolare via Petroni, gravi disturbi della quiete pubblica, con continuate emissioni musicali dovuti all'utilizzo di strumenti a percussione e ripetuti schiamazzi che si sono protratti dalle 23 circa fino alle 3-3.30 e oltre". E ancora "la situazione igienica di alcuni esercizi risulta non rispondente alle normative - con - totem e cartelli pubblicitari che intralciano il passaggio sotto i portici e sui marciapiedi", come anche "assembramenti di persone che stazionano sulla carreggiata, impedendo la circolazione e creando un clima di forte disagio, di insicurezza e di pericolo per chi tenta di raggiungere con i propri mezzi le abitazioni o i garage".

Quindi la richiesta alla Procura di "disporre un provvedimento urgente che preveda l'intervento immediato delle Forze dell'ordine" accertando anche "se i fatti riportati siano penalmente rilevante, procedendo, in caso affermativo nei confronti dei rappresentanti le citate Istituzioni" ossia sindaco e prefetta "ritenuti responsabili delle omissioni e dell'attuazione degli atti necessari". Infine, l'annuncio di costituirsi parte civile nell'eventuale processo penale.

In questi giorni più che mai, la "movida" entra nel dibattito politico pre-elettorale. Per Fratelli 'd'Italia Lepore "non ha fatto nulla per risolvere" il problema e se sarà eletto sindaco, "certamente non lo risolverà", ha detto oggi Francesco Sassone, capogruppo di FdI in Consiglio comunale, l'ultima del mandato. "E' una situazione che si protrae da troppo tempo  - ha detto il consigliere - e che l'amministrazione non ha risolto. Se avesse voluto risolverla, Lepore avrebbe dovuto agire in questi 10 anni in cui era in Giunta. E invece non lo ha fatto". Secondo il capogruppo Fdi, è stata una "gravissima mancanza da parte dell'amministrazione e ho la seria convinzione che, se vincesse Lepore alle elezioni, il problema certamente non sarebbe risolto. E' mancata la volontà politica in questi anni e mancherà anche nel prossimo mandato, se vincerà la sinistra", afferma Sassone.

Foto Comitato via Petroni 

Daspo Urbano, due provvedimenti in zona U

Caos zona universitaria, parte l'esposto: "Situazione fuori controllo, imbarazzanti rimpalli dalle Forze dell'ordine"|VIDEO 

Video popolari

Ancora musica e danze in zona U, il Comitato dei residenti: "Alle 3.20 stanno ancora bongando"|VIDEO

BolognaToday è in caricamento