Spaccio in piazza XX settembre: droga nascosta tra gli scavi delle antiche mura

Quattro arresti per un gruppo che aveva messo in piedi un particolare modus operandi. Un altro arresto in via Corticella

Sono stati bloccati ieri dalla squadra mobile in borghese quattro giovani, tutti arrestati per spaccio di droga. E' successo l'altro giorno in piazza XX settembre, da tempo tenuta d'occhio dagli agenti per via di diverse segnalazioni.

Appostati a studiare i movimenti del gruppo, i poliziotti hanno ricostruito il modus operandi della banda. In pratica, i quattro si erano divisi il lavoro, con la sostanza occultata tra gli anfratti dei ruderi delle vecchie mura per non risultare in possesso di nessuno in caso di eventuali controlli.

Uno dei quattro ragazzi si occupava di girare in bicicletta e procacciare i potenziali clienti, mentre un secondo soggetto si occupava di incassare il denaro pattuito. Il terzo componente poi si dedicava alla consegna della droga, dopo averla estratta da uno dei nascondigli. Un quarto uomo infine, monitorava la piazza pronta a dare eventuale allarme di controlli da parte delle forze dell'ordine.

Tutte le attività sono state riprese dagli agenti della Mobile però, i quali infine sono entrati in azione. Con anche l'ausilio del nucleo cinofili in tutto sono stati recuperati, insieme a qualche centinaio di euro in contanti e un bilancino di precisione, qualche decina di grammi tra hashish, marijuana e cocaina.

Di quest'ultima era ben fornito il cosiddetto 'rider' del gruppo, un 22enne cittadino tunisino, addosso al quale sono stati rinvenuti 13 involucri contenenti un totale di 6,85 grammi di polvere bianca. Gli altri componenti della banda sono stati identificati in un 21enne, un 33enne e un 43enne, tutti cittadini nigeriani. Tranne il 43enne, tutti i giovani arrestati hanno precedenti in materia di stupefacenti, in particolar modo attorno al parco della Montagnola.

Un altro arresto per droga è stato effettuato in via di Corticella, dove un 24enne, cittadino marocchino, è stato bloccato dopo una cessione sospetta adocchiata sempre da alcuni agenti in borghese. Il ragazzo aveva appena ceduto sostanza a un furgone di passaggio, con all'interno due quarantenni, entrambi cittadini italiani. Addosso al giovane, i poliziotti hanno trovato una busta con le micro-confezioni di polvere bianca, circa 7 grammi in tutto, unitamente a 450 euro in contanti. Anche per il 24enne si è proceduto all'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento