Picchia la madre e pretende i soldi per la droga: 20enne di Imola arrestato dai Carabinieri

Il giovane è finito in carcere per aver offeso e picchiato sua madre, 45enne, allo scopo di estorcerle denaro per comprare la droga

I Carabinieri della Compagnia di Imola hanno eseguito un arresto per maltrattamenti contro familiari/conviventi, lesioni personali aggravate e tentata estorsione e tre denunce per guida sotto l’influenza dell’alcol. Un 20enne italiano è stato arrestato ieri sera dai Carabinieri della Stazione di Imola che hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misure cautelari. Il giovane è finito in carcere per aver offeso e picchiato sua madre, 45enne, allo scopo di estorcerle denaro per comprare la droga.

Offende la nonna e prende a calci e pugni la madre

Potrebbe essere stata proprio la sostanza stupefacente, cannabis e forse anche cocaina, ad aver tirato fuori il temperamento violento del ragazzo che, per ottenere una cosa, faceva ricorso alla violenza fisica e psicologica, come accaduto qualche giorno fa nei confronti della nonna paterna, quando, rientrato in casa affamato, l’aveva offesa, sollecitandola di preparagli un piatto di pasta. In quell’occasione, la situazione era degenerata al punto che il 20enne aveva preso a calci e pugni la madre, costringendola, dopo averle scaraventato contro una sedia, a chiudersi in bagno. Resasi conto che la situazione non era più tollerabile, ama soprattutto era diventata pericolosa, la donna ha chiesto aiuto ai Carabinieri della Stazione di Imola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Segnalato per possesso di droga 

La Procura della Repubblica di Bologna, ricevuta l’informativa dei militari, ha richiesto l’applicazione della custodia cautelare in carcere, misura che è stata accolta ed emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna, Dott.ssa Francesca Zavaglia. Arrestato ieri sera dai Carabinieri della Stazione di Imola, il 20enne è stato tradotto in carcere, a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Nella circostanza, il giovane è stato anche segnalato alla Prefettura di Bologna perché, durante le fasi dell’arresto, è stato trovato in possesso di marijuana.

I Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Imola (BO) hanno denunciato tre automobilisti italiani per guida sotto l’influenza dell’alcol, un 26enne, un 60enne e un 74enne. A parte il primo, controllato questa notte e trovato positivo all’alcol test con un valore di 1,48 g/l, gli altri due sono stati denunciati conseguentemente al referto delle analisi del sangue (1,86 g/l il 60enne e 2,06 g/l il 74enne), cui erano stati sottoposti a seguito d’incidenti stradali accaduti di recente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento