Cronaca Navile / Via Giacomo Matteotti

Ferisce e ordina al suo cane: 'Inchinati al re', denunciato per maltrattamenti

Segnalato da alcuni cittadini, la Polfer ha fermato un 35enne: al guinzaglio 'Pocio', denutrito, spaventato e sanguinante a causa delle frustate

Sabato sera intorno alle 23 alcuni cittadini hanno indicato a una pattuglia della Polizia Ferroviaria, in servizio presso la stazione di Bologna, un uomo che stava maltrattando il suo cane, colpendolo con calci e frustate e proferendo frasi del tipo: "Inchinati al re".

Gli agenti lo hanno così individuato, mentre sul cavalcavia di via Matteotti, strattonava l'animale:  si tratta di un 35enne senza fissa dimora, originario della provincia di Trento.

"Pocio", questo il nome del cagnolino, nato nel 2008, è stato trovato spaventato, malnutrito, claudicante e sanguinante, a causa di una ferita sull'orecchio destro, provocata, probabilmente dalle frustate. Dopo averlo rifocillato, Pocio è stato affidato agli operatori del canile di Trebbo di Reno, mentre il suo proprietario è stato denunciato per maltrattamenti, benchè continuasse a ripetere: "Il cane è mio e ci faccio quello che voglio". Durante le operazioni di identificazione ha anche aggredito verbalmente gli agenti e per questo è stato deferito per oltraggio a pubblico ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferisce e ordina al suo cane: 'Inchinati al re', denunciato per maltrattamenti

BolognaToday è in caricamento