menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggressioni sui treni, il sindacato: "Giubbotti antiproiettile e sniffer per la Polfer"

Visto il "drammatico tasso di aggressioni a bordo treno"

"GAP sottocamicia e sniffer" per la Polizia Ferroviaria. In altre parole, giubbotti antiproiettile e metal detector. Li chiede il sindacato di Polizia Siulp con una richiesta urgente inviata alla dirigente Annarita Santantonio. 

"Le insidie che insistono in un luogo altamente affollato come la Stazione di Bologna, nella quale 58 milioni di
persone transitano ogni anno, permettere agli operatori pattuglianti di lavorare nella più totale sicurezza, è un dovere che l'Amministrazione deve rispettare e promuovere - si legge nella missiva - proprio in momento in cui anche i media rappresentano quello che è il drammatico tasso di aggressioni a bordo treno, è ancor più deciso il nostro appello, affinché gli operatori della Polizia Ferroviaria possano garantire sicurezza nel migliore dei modi. Più volte, infatti, abbiamo segnalato la necessità di dotare le Poliziotte ed i Poliziotti del Settore Operativo di Bologna C.le di giubbotti antiproiettile da poter indossare sottocamicia, proprio per poter espletare al meglio il
servizio in stazione, ed a bordo treno ma ad oggi purtroppo- scrive il sindacato- ci vediamo costretti a
denunciare come ancora nulla si sia mosso in tal senso". 

Il Siulp chiede di assegnare agli operatori in divisa i giubbotti antiproiettile, arrivati in città nelle ultime settimane che sarebbero destinati agli agenti Polfer in borghese: "Nulla di più sbagliato - obiettano dal sindacato - se si considera la maggiore esposizione ai rischi imprevedibili del personale che opera in divisa. Per questo motivo, è auspicabile senza ulteriori indugi, che venga assegnata una quantità di questi vitali dispositivi di protezione individuale, così da tenere conto della sicurezza di tutti gli operatori sia che svolgano servizi in abiti civili o in divisa senza differenziazione alcuna". 

Necessario per il sindacato anche il metal detector per il controllo dei bagagli, già in dotazione: "Riteniamo sia necessario una spinta emancipativa nei dispositivi per i controlli di sicurezza, per cui chiediamo di valutare l’assegnazione di tecnologici rilevatori sniffer palmari, proprio per esaltare la prevenzione e il contrasto di esplosivi, narcotici e sostanze tossiche e valorizzare l'efficacia dei servizi resi alla collettività".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento