Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Vergato, capriolo ucciso: le proteste non hanno fermato la 'lotteria della morte'

Nonostante gli appelli, le petizioni, lo sdegno di centinaia di persone, il poligono di tiro non avrebbe evitato la tragica fine per 'bambi'. La denuncia di Legambiente, che ammonisce il sindaco: 'Il Comune doveva intervenire, è questione morale'

Non sono serviti gli appelli, le petizioni, lo sdegno di centinaia di persone da tutto il Paese a bloccare la gara in programma nel weekend al Poligono di Tiro di Vergato, con in palio, per il vincitore, l'uccisione di un capriolo. A denunciare la riuscita di una "sdegnosa lotteria della morte" è  Legambiente

"Il Sindaco del Comune di Vergato subissato di proteste ha emesso una comunicazione ufficiale dove si estraniava e si sottraeva da ogni responsabilità riguardante l'evento, essendo il Poligono del Tiro a Segno Nazionale fuori dalla Sua competenza. Aggiungendo che l'area è militare e perciò non di competenza del Comune!.Così parla Claudio Corticelli, presidente Legambiente SettaSamoggiaReno, aggiungendo: "Noi pensiamo di interpretare anche il sentire di tutti quei cittadini che hanno protestato, riteniamo che debba comunque rientrare nella competenza etica e morale di una Amministrazione cittadina, esprimere condanna e sdegno per quanto avviene sul suo territorio, come in questo caso, se pur nascosto dietro un apparente velo di regolarità burocratico- amministrativa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vergato, capriolo ucciso: le proteste non hanno fermato la 'lotteria della morte'

BolognaToday è in caricamento