rotate-mobile
Cronaca

Polizia Municipale, nuovo sciopero: 'Riorganizzazione imposta dall'alto'

Non si rasserenano i rapporti tra amministrazione comunale e polizia municipale. Oggi è stata anche eseguita un'ispezione nei corridoi della Rsu. Sabato sera scioperi di tre ore e presidio a Borgo Panigale

Oggi, durante la conferenza stampa. le organizzazioni sindacali della Polizia Municipale bolognese hanno annunciato gli scioperi che partiranno domani. Contemporaneamente è stata eseguita un'ispezione nel corridoio della Rsu per "verificare chi avesse accesso al terrazzo" di Palazzo D'Accursio dove è stato esposto lo striscione con la scritta "E' facile colpire la Municipale solo per fare campagna elettorale". La scritta fa riferimento alle ultime "dispute" tra l'Amministrazione Comunale e il corpo di polizia locale in merito alla riorganizzazione e ai nuovi orari notturni. Lunedì scorso, i vigili in pettorina hanno anche messo in atto un'occupazione "silenziosa" del consiglio comunale. 

Inoltre, i vigili del reparto "Citta' storica" hanno voluto sapere, affermano i rappresentanti sindacali, "quante persone erano presenti nella sala in cui si è tenuta la conferenza stampa, per verificare se erano state rispettate le regole sulla capienza massima della sala stessa". Anche se non ci sono certezze su chi abbia voluto l'ispezione, il sospetto è che l'ordine arrivi direttamente dai vertici della municipale. In ogni caso, osservano i sindacalisti, "una cosa del genere non era mai successa, e questo non è certamente un segnale di distensione da parte dell'Amministrazione in vista dell'incontro di mercoledi'".

SCIOPERO. Da domani sera i vigili urbani di Bologna incroceranno le braccia per protestare contro il sindaco e l'Amministrazione comunale. "Durerà tre ore e si svolgerà durante il quarto turno, quindi dalle 22 all'1, dalle 22.30 all'1.30 e dalle 23 alle 2, a seconda dell'orario in cui prenderanno servizio i vigili". I motivi dell'agitazione, spiega Marco Pasquini della Fp-Cgil, "sono legati all'organizzazione del lavoro, che deve essere condivisa e non imposta dall'alto come invece ha fatto il Comune, alla totale discrezionalità lasciata al comandante sulla questione della mobilità" e, aggiunge Stefano Mingoia del Sulpl, "allo squilibrio tra le paghe dei più anziani e quelle dei più giovani, a cui per cinque anni non viene pagata la reperibilità B (quella per gli interventi dei vigili in caso di eventi calamitosi come i terremoti, ndr)". Pasquini tiene comunque a precisare che "nonostante lo sciopero, che coinvolgerà 5 o 6 pattuglie, i servizi essenziali saranno comunque garantiti".

Per le 23.30 in via Normandia a Borgo Panigale, "un presidio simbolico per ribadire l'importanza della nostra presenza nelle periferie". Ora la palla passa al Comune, che dopo il rinvio dell'incontro con i sindacati in programma mercoledì, dovrebbe vedere i rappresentanti dei vigili il 30 settembre. Sul punto i rappresentanti sindacali ribadiscono la loro "totale apertura al dialogo, perchè la rabbia dei vigili nei confronti dell'Amministrazione sta crescendo, e non giova a nessuno che i lavoratori vedano il loro datore di lavoro come un nemico".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia Municipale, nuovo sciopero: 'Riorganizzazione imposta dall'alto'

BolognaToday è in caricamento