Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Frodi informatiche: sventata truffa dal 800mila euro alla Lamborghini

Oggi la firma del Questore sui "Protocolli operativi per la sicurezza informatica" per alcune grandi aziende del bolognese. A monte raggiro da 800mila euro alla Casa del Toro

Rispetto al 2010, anno in cui per la prima volta l'Istat indagò queste nuove realtà, i reati informatici sono aumentati del 50%, rilevando oggi oltre 200 crimini informatici ogni 100mila abitanti.

Sono i dati emersi questa mattina nel corso dell'ufficializzazione dei "Protocolli operativi per la sicurezza informatica" presso il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni, con la firma del Questore Ignazio Coccia e la collaborazione dell'Ala Mater. L'accordo prevede la protezione delle infrastrutture “a rischio”, come le grandi aziende del bolognese, tra le quali, Bonfiglioli Riduttori, Coop Alleanza 3.0, Ducati Motor Holding, Gruppo HERA, Philip Morris e Lamborghini. 

Benchè l’iniziativa si basi sulle disposizioni del Ministro dell’Interno emanate il 15 agosto scorso, Bologna l'aveva messa in atto già nel 2016 con la sottoscrizione di protocolli operativi di collaborazione tra la Polizia di Stato ed aziende bolognesi che, per rilevanza economica, numero dei dipendenti, peculiarità dei prodoti realizzati o dei servizi resi, potevano essere considerate possibili obbiettivi di attacchi cyber o frodi informatiche (Automobili Lamborghini, Cogefrin, Ima Sustain Ability, Lighthouse, Macron e Seci – Gruppo Maccaferri).

FRODE INFORMATICA ALLA LAMBORGHINI. E la Casa del Toro ha molte buone ragioni per aderire ai protocolli: infatti il 17 febbraio 2017, sostituendosi all’A.D. Stefano Domenicali attraverso un falso indirizzo mail e qualificandosi come avvocato di un'importante società di consulenza, ignoti autori avevano contattato alcuni manager della società automobilistica per convincerli a effettuare un bonifico di 780.000 euro su un conto corrente appoggiato a una Banca di Hong Kong, operazione necessaria per eseguire una riservata acquisizione di un’azienda.

Gli agenti di Polizia, coordinati dal Sost. Proc. Dr. Augusto Borghini, sono così subetrati gestendo le comunicazioni successive e riuscendo a trarre in inganno i truffatori ai quali venivano richeisti documenti in originale per concretizzare l’operazione finanziaria. La macchina investigativa si era messa in moto: acquisizione di tabulati
telefonici, analisi informatica delle celle di traffico dati dei gestori telefonici e analisi delle videoregistrazioni della
Stazione Centrale che quindi hanno letteralmente "fotografato" il volto di uno degli autori dell’azione criminale: un 56enne nato in Algeria ma di nazionalità francese e israeliana era stato fermato in prossimità della Lamborghini, con i documenti (contraffatti) richiesti per definire l’operazione.

Dai primi accertamenti è emerso che l’organizzazione agiva dalla Francia utilizzando tablet e telefoni cellulari di ultima generazione; attraverso l’uso degli applicativi Whatsapp e sistemi VOIP, contattava le possibili vittime
eludendo i tracciamenti dei gestori di telefonia mobile. 

immagine video-39-44

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frodi informatiche: sventata truffa dal 800mila euro alla Lamborghini

BolognaToday è in caricamento