Sindacato di Polizia, l'attacco: "Invece dei nuovi gradi, i fondi si potevano sfruttare meglio"

Per Tonino Guglielmi: «Milioni di euro buttati per la sostituzione dei vecchi distintivi di qualifica»

La denuncia arriva dal segretario del Sap (Sindacato autonomo di Polizia) di Bologna, Tonino Guglielmi: «La Polizia "'manda in pensione' i vecchi distintivi di qualifica (i cosiddetti gradi) e li sostituisce con quelli nuovi, frutto di mesi di lavoro di una commissione e di un investimento di circa cinque milioni di euro».

Milioni che però, denuncia il segretario «dopo anni di tagli al settore della sicurezza sono stati gettati al vento, mentre potevano essere spesi in dotazioni, mezzi, strutture o formazione degli agenti». E proprio per mettere in luce quanto, a suo parere, "questa sia un'operazione di facciata", e per "dimostrare che si sarebbe potuto fare un uso piu' razionale di quei fondi", il sindacato ha deciso di "donare un Codice penale aggiornato al 2019 per ogni Ufficio della Questura bolognese".

E Guglielmi rincara la dose, evidenziando che "con meno della meta' dei fondi spesi per i nuovi gradi si sarebbe potuto fornire un Codice aggiornato a tutti i poliziotti italiani". Dunque, pur sapendo che "questo Codice penale non potra' sopperire ad anni di inerzia e di scelte errate da parte di chi dirigeva la Polizia, in particolare in tema di formazione", il Sap ritiene di aver "dato un segnale forte e, in un certo qual modo, provocatorio, affinche' a certi temi venga data la necessaria attenzione".

(Dire) 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio di Vasco Rossi Lorenzo si è sposato: tutta la felicità in una foto

  • Cerca di fuggire dalla gazzella dei carabinieri con l'apecar: è ubriaco

  • Castenaso: morto Dino, il re della pasticceria

  • Tre appartamenti all'asta in via Amendola: il bando Invimit scade il 20

  • Incidente in via del Gomito, morto ciclista di 25 anni

  • Il figlio di Vasco Rossi oggi dice "sì": matrimonio a Crespellano per Lorenzo Rossi Sturani

Torna su
BolognaToday è in caricamento