Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

Ponte chiuso a Sasso Marconi, la regione valuta il commissariamento

La procedura va chiesta al governo. Per viale Aldo Moro i tempi di Anas sono troppo lunghi

“Il 2024 è assolutamente troppo lontano. Il rifacimento del Ponte da Vinci di Sasso Marconi è una priorità per la viabilità di tutta l’area. È quindi necessario accelerare i tempi e farlo riaprire il prima possibile”.

Così l’assessore regionale alle Infrastrutture, Andrea Corsini spiega la scelta della Regione di valutare la richiesta di commissariamento dello scavalco sul Reno, chiuso dallo scorso febbraio a causa delle precarie condizioni del cemento che ne sostiene l’arcata.

L’intervento del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti servirebbe infatti a comprovare la priorità dell’opera e a modificare il cronoprogramma ordinario dei lavori comunicato da Anas che, ad oggi, prevede l’affidamento per l’intervento definitivo nella primavera del 2022 e la conclusione dell’opera nella primavera del 2024.

“Da 64 anni il Ponte da Vinci collega le vallate del Setta e del Reno con il sistema autostradale e con la Porrettana vecchia e nuova- conclude Corsini-. Siamo quindi perfettamente consapevoli che si tratta di un collegamento imprescindibile per chi vive, lavora e si sposta ogni giorno nella zona di Sasso Marconi. Non possiamo accettare che i disagi che queste persone stanno vivendo da mesi vadano avanti altri tre anni. Davanti a un’opera di prioritaria importanza per la qualità della viabilità e per l’ambiente come questa, agiremo con un unico obiettivo: ripristinarla e riaprirla il prima possibile”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte chiuso a Sasso Marconi, la regione valuta il commissariamento

BolognaToday è in caricamento