Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Portici Unesco, il candidato Battistini: "Ora impegno per pulirli"

Si esulta in città per il grande risultato ottenuto

Foto Giorgio Bianchi

I portici di Bologna "hanno ottenuto dall'Unesco il riconoscimento che merita un patrimonio così importante e rappresentativo della nostra città". E ora, promette il candidato sindaco civico del centrodestra, Fabio Battistini, "il mio impegno sarà lavorare per restituire loro anche lo splendore che meritano, con la dovuta illuminazione e pulizia e sgomberando definitivamente la spazzatura da quelli del centro storico".

Per questo risultato, Battistini ci tiene poi a ringraziare anche "il Governo e la sottosegretaria bolognese Lucia Borgonzoni, che da tempo si impegna per questo obiettivo finalmente raggiunto".

Le sardine: "Grande lavoro dietro"

Per il riconoscimento Unesco esultano anche le Sardine. "Dopo anni di duro lavoro da parte della Giunta guidata da Virginio Merola - sottolineano - i 62 chilometri di portici di Bologna sono diventanti ufficialmente il 58esimo sito Unesco del nostro Paese, che si conferma primo Paese al mondo per numero di siti e allunga sulla Cina (che ne ha 56)".

Secondo le Sardine si tratta dunque di un "risultato culturale per la fruizione che commercianti, residenti, turisti ne fanno quotidianamente". Ma è anche "un risultato politico, perché le candidature e le nomine sono frutto di un lungo lavoro e non arrivano per caso". Infine è un "risultato civico, per tutte le associazioni, fondazioni, enti che si battono per la loro cura. Chi vive a Bologna sa che dietro a questo risultato c'è una 'polis' con la P maiuscola, fatta di diverse componenti, ciascuna impegnata a prendersi cura di un pezzetto, ciascuna parte di quell'umanità che oggi è stata riconosciuta a livello mondiale. Siamo felici di farne parte".

Postacchini, Ascom: "La sfida comincia ora"

L'inserimento dei Portici di Bologna nella lista Unesco dei patrimoni dell'umanità è "un'ottima notizia" per il presidente di Ascom (e dell'Aeroporto di Bologna), Enrico Postacchini, che con l'associazione dei commercianti da anni si batte contro il degrado dei centri storici, portici compresi. "Abbiamo cercato di fare la nostra parte, a volte anche con difficoltà. E' una delle nostre priorità, siamo molto contenti. Ora bisogna tenerli puliti, la sfida comincia adesso: se è un incentivo a tenerli meglio, bene. E chi sgarra venga punito", scandisce.

"Siamo contenti. I portici sono un bene di tutti che non può essere deturpato: vale per tutto, dalla raccolta differenziata, che deve essere più veloce, ai graffiti, alle deiezioni dei cani", ammonisce Postacchini. "E' chiaro che questo riconoscimento porterà nuove opportunità, in particolare dal punto di vista turistico, quindi è necessario continuare lungo la strada della qualità, alzare il livello dell'attenzione verso un'opera così importante, mantenere alto il senso civico perché i Portici sempre di più saranno l'emblema di Bologna, un punto di riferimento e partenza per tutte le escursioni alla scoperta delle altre bellezze della città", aggiunge il segretario di Confartigianato Bologna Metropolitana, Amilcare Renzi.

L'impegno della Regione

Secondo l'assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori, con il riconoscimento Unesco ai Portici di Bologna "si conferma l'attitudine del nostro territorio a fare squadra: enti locali, privati, forze sociali ed economiche, università e sistema produttivo. Ora vogliamo fare in modo che il riconoscimento ottenuto dall'Unesco non sia solo un punto di arrivo - dice Felicori, insieme al presidente Stefano Bonaccini - ma un'ulteriore tappa nel percorso di valorizzazione del patrimonio culturale regionale, compreso il completamento del restauro dei Portici stessi, al quale la Regione contribuisce".

Presidente e assessore si complimentano dunque col Comune di Bologna e con "tutti coloro che hanno reso possibile il raggiungimento di questo traguardo prestigioso. La Regione Emilia-Romagna, tramite l'Istituto dei beni cultuali, diventato oggi Servizio patrimonio culturale, ha partecipato ai lavori della cabina di regia istituita dal Comune di Bologna e finalizzata alla presentazione del dossier di candidatura dei Portici di Bologna nella lista Unesco dei beni patrimonio dell'Umanità". (Dire)

(Foto Giorgio Bianchi)

I portici di Bologna sono patrimonio Unesco: "Giorni di super lavoro ma ci siamo riusciti"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portici Unesco, il candidato Battistini: "Ora impegno per pulirli"

BolognaToday è in caricamento