rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca

Portici e graffiti, patto Comune-proprietari immobiliari per ripulirli

ll sindaco ha firmato il protocollo d'intesa con il presidente di Confabitare, per la collaborazione nella riqualificazione nei tratti di portico di proprietà privata ma di uso pubblico

ll sindaco Matteo Lepore ha firmato oggi il protocollo d'intesa con il presidente di Confabitare Bologna, Alberto Zanni, per la collaborazione tra Comune e proprietari immobiliari nella riqualificazione e nella rimozione dei graffiti nei tratti di portico di proprietà privata ma di uso pubblico. Alla firma erano presenti anche l’assessore ai Lavori pubblici Simone Borsari e il presidente di Confamministrare Mauro Tonolini.

Si realizza così un nuovo tassello del piano di gestione dei Portici Patrimonio Unesco, che deve essere attuato entro il 2025, e del piano sperimentale integrato di contrasto al vandalismo grafico, approvato il 12 aprile scorso, che ha già portato a un protocollo simile con Asppi.

Portici. Ora patrimonio dell'umanità. E queste immagini spiegano bene il perchè | FOTO 

Il patto

Il protocollo, che ha una durata di 5 anni, mira a incentivare gli interventi dei proprietari dei singoli edifici porticati, relativi a riqualificazioni, rifacimento e manutenzione di pavimentazioni, pareti, pilastri, soffitti e colonne dei portici e delle facciate esterne, nonché per la loro pulizia dai graffiti, per migliorare la qualità dello spazio di interesse pubblico e del paesaggio urbano.
Il Comune favorirà gli interventi dei privati attraverso: la concessione gratuita del suolo pubblico ai cantieri; l'esenzione dal pagamento del canone per impianti pubblicitari autorizzati nell'area di cantiere; il coordinamento tra gli uffici per gli iter autorizzativi ad opera dell'ufficio Portici Patrimonio Mondiale; la promozione dell'iniziativa e l'utilizzo del logo "I Portici di Bologna" per tutte le azioni in questo ambito.
Confabitare si impegna a: promuovere le iniziative e le attività di riqualificazione tra i propri associati; coordinare ogni intervento in capo ai singoli proprietari e amministratori di condominio; dare supporto nella selezione delle ditte più qualificate; fornire al Comune l'elenco delle ditte selezionate e un resoconto periodico degli interventi effettuati; a far applicare sulle superfici pulite degli edifici, previo parere della sovrintendenza se sono tutelati, uno strato protettivo più spesso con vernici che consentano le successive rimozioni con detergenti.

Non solo i Portici. Altri due meravigliosi siti bolognesi puntano a diventare Patrimonio Unesco 

Obiettivo contrasto al degrado

“Ringrazio Confabitare per aver aderito a questo protocollo – è il commento dell’assessore ai Lavori pubblici Simone Borsari -. L’auspicio è che questo accordo possa rappresentare una buona pratica da replicare con altri soggetti, in modo che si diffonda un'attività di cura e manutenzione capillare e sostanziale, a partire da interventi anche molto piccoli ma che rappresentano comunque un contributo essenziale per mantenere la bellezza e la vivibilità dei Portici patrimonio dell’umanità e di tutte le facciate della nostra città”.

“Confabitare negli anni scorsi ha stabilito virtuose forme di collaborazione con il Comune di Bologna – spiega Alberto Zanni, Presidente nazionale di Confabitare - volte a contrastare il degrado ed in particolare il vandalismo grafico, al fine di suscitare interesse e attenzione per la qualità dello spazio pubblico e del paesaggio urbano, e di attivare possibili ricadute positive anche sul piano dell’attrattività turistica. Son felice che si sia arrivati alla firma di questo protocollo d'intesa volto a valorizzare l’immagine della nostra città, sia per chi ci vive che per chi ci viene a trovare. Sono previste, inoltre, attività d'informazione, educazione e sensibilizzazione della cittadinanza sul tema del contrasto al vandalismo grafico e alla valorizzazione condivisa dei beni comuni. Murales e graffiti sono una forma d’arte del tutto legittima se approvata dal Comune e dai proprietari. ciò che si vuole contrastare è l’atto scellerato di chi imbratta i muri rovinando l’aspetto della città e gravando sulle tasche altrui”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portici e graffiti, patto Comune-proprietari immobiliari per ripulirli

BolognaToday è in caricamento