menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Danni al colonnato dei Servi, Tper: 'Colpa dei palloni da calcio, persi sui tetti'

Persi dai bambini durante le partite nel quadriportico avevano ostruito le grondaie e così l'acqua, non avendo più questa via di sfogo, finiva sulle colonne in pietra rosa di Verona e in marmo bianco, inzuppandole

Il famoso portico dei Servi di Bologna? Ha subito seri danni (e ne ha rischiati anche di peggiori) nientemeno che a causa dei bambini abituati a giocare a calcio in mezzo al quadriportico.

Questo perché negli anni molti palloni erano finiti sulla copertura del portico, ostruendo le grondaie e portando così l'acqua a scorrere sulle colonne, provocando profonde fratture. A raccontare il particolare è Fabio Monzali di Tper, direttore dei lavori che qualche anno fa hanno interessato strada Maggiore e anche il portico dei Servi.

La notizia arriva oggi dalla commissione a partire dalla segnalazione fatta da Mirka Cocconcelli, della Lega nord, che in questi giorni ha notato il distaccamento di pezzi di intonaco sulla striscia di strada da qualche tempo delimitata dalla nuova balaustra.

"L'intonaco è fuori dalle nostre competenze", premette Monzali, ricordando che il portico non è neanche interamente di proprietà del Comune, visto che una parte è del Demanio. Detto ciò, "ci vorrebbe qualche benefattore che spendesse dei soldi per un intervento di quel tipo perché parliamo di una delle opere più belle di Bologna insieme alle Due torri", aggiunge Monzali. Di tutt'altro tipo i problemi invece già affrontati durante il cantiere di strada Maggiore.

Per verificare lo stato di salute del portico, nel 2014, furono fatte anche delle Tac e si scopri' che sul tetto c'erano un bel po' di "palloni da calcio, lì da anni. Quasi dei reperti archeologici", spiega Monzali. I palloni avevano ostruito le grondaie e così l'acqua, non avendo più questa via di sfogo, "finiva sulle colonne in pietra rosa di Verona e in marmo bianco", inzuppandole.

"Poi nel periodo invernale- ricostruisce Monzali- scattava il fenomeno periodico dello gelo-disgelo e alcune colonne erano fratturate quasi completamente", spiega l'ingegnere di Tper. Vista questa situazione, "la Sovrintendenza ci ha aiutato passo per passo" e sono state impiegate "le migliori squadre di restauratori", assicura Monzali, in modo da realizzare delle apposite "cerchiature" per mettere in sicurezza le colonne.

In più, visto l'incidente accaduto ieri a Firenze con la caduta di un pezzo di capitello, Monzali riferisce anche che anche rispetto alla parte alta "abbiamo messo in protezione tutto il portico". Inoltre, una arcata fu imbragata perché sporgeva di ben sette centimetri. In conclusione, "lo stato di salute del portico ora è nettamente, nettamente- ripete Monzali- migliore rispetto a quello che trovammo nel 2014". Su tutto questo "sarebbe interessante fare un approfondimento", afferma l'assessore ai Lavori pubblici, Virginia Gieri. (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento