Perde i documenti e va in commissariato ma è positivo al coronavirus

È successo ieri nella stazione Santa Viola. L'uomo è stato denunciato e ricondotto nella sua abitazione

Foto archivio

Positivo al coronavirus, si presenta al commissariato di polizia per sporgere una denuncia. È successo ieri intorno alle 13, alla stazione Santa Viola, dove un cittadino kosovaro del 1977 si è recato perché aveva smarrito alcuni documenti.

Da alcuni controlli, i poliziotti hanno però scoperto che lo stesso risultava essere positivo al coronavirus già da alcuni giorni, con un tampone effettuato circa una settimana fa. L'uomo è stato denunciato penalmente per la violazione della quarantena ed è stato immediatamente ricondotto a casa per proseguire il periodo obbligatorio di isolamento.

Fortunatamente il positivo non è entrato in contatto né con il personale né con il pubblico in quanto, al momento dell'identificazione, si trovava all'interno di una sorta di "bussola di ingresso" del commissariato, un'area tra due porte blindate, poi immediatamente sanificata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

Torna su
BolognaToday è in caricamento