Intrusione alle Poste: obiettivo le carte di credito in consegna

Due uomini arrestati dalla polizia. Le tessere in consegna sono solitamente usate per compiere truffe e raggiri

Doppio arresto nella notte alle poste di via Zanardi. Al centro di smistamento, nel settore transiti speciali sono state fermati in due, un 45enne e un 48enne, cittaidni italiani, sorpresi mentre stavano rubando ingenti quantitativi di carte di credito e bancomat, in consegna presso i legittimi proprietari. Nelle buste delle tessere, anche i relativi pin.

E' successo tutto intorno alle 22:30 di ieri. I due, del tutto sconosciuti al perosnale in servizio, sono stati visti aggirarsi negli impianti dalle telecamere. Quando gli agenti sono arrivati uno dei due aveva già preso 537 buste, mentre il suo compare ne aveva già aperta qualcuna. Entrambi con precedenti proprio per furto alle poste, sono stati arrestati. Sul posto anche la polizia scientifica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I furti di carte di credito sono tipici di gruppi di malviventi specializzati nel furto di identità bancarie, per porre in essere la sottrazione del denaro dei correntisti, truffe e raggiri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Mordano, forzano il posto di blocco e investono un Carabiniere: ricercati per tentato omicidio

Torna su
BolognaToday è in caricamento