Cosa visitare a Bologna: ecco i 5 luoghi più romantici

Chi lo dice che è Venezia la città più romantica? Anche Bologna ha dei luoghi preziosi, degli angoli di paradiso per coppie di innamorati in cerca di suggestioni e ricordi indelebili

Sposi a San Luca - foto inviata da Emanuele

Venezia, Verona...quante sono le città dell'amore in Italia? Certamente ogni città da nord a sud ha dei luoghi particolarmente romantici, perfetti per avere una "prospettiva in rosa", Bologna compresa naturalmente. 

Ecco quali sono secondo noi i luoghi più romantici di Bologna: 

1. Il Santuario e il portico di San Luca, Colle della Guardia. Non può mancare e non può che essere citato per primo. La passeggiata sotto lungo porticato che inizia a salire verso il colle da via Saragozza è una delle camminate più romantiche del mondo e quando si arriva in cima, soprattutto la sera, il panorama è mozzafiato: tutta Bologna davanti agli occhi, con il canto dei grilli e il profumo della natura. 

2. Piazza Santo Stefano o Piazza delle Sette Chiese. Certamente una delle piazze più belle e romantiche d'Italia: una sorpresa se ci si arriva da via dè Pepoli o da Corte Isolani, visto che dal portico si apre ampia la visuale. A due passi dalle torri degli Asinelli e Garisenda questo luogo è uno 'slargo' a forma triangolare, uno dei tipici scorci della città che tutti fotografano per portare un ricordo via con sè. Nella bella stagione è piacevolissimo sedersi sul muro del porticato e prendere il sole o chiacchierare appoggiati a una colonna. Un tocco di colore lo da un bellissmo glicine che 'pende' da una delle antiche dimore adiacenti. Fra i Palazzi Storici che vi si affacciano: i palazzi Isolani (Lupari e Bolognini), Palazzo Bolognini Amorini Salina, le cosiddette Case Tacconi. 

3. Il Monastero di San Michele in Bosco e il suo panorama, via Pupilli 1. Si tratta di un imponente imponente complesso architettonico che comprende la chiesa e l'adiacente ex-convento degli Olivetani, uno dei più grandiosi e ameni d'Italia. Si erge in uno dei punti più panoramici dei colli a ridosso di Bologna e il suo sagrato costituisce uno splendido balcone sulla città e sulla pianura fino alla catena alpina. Di origini remote, la chiesa venne ricostruita svariate volte. Riedificata in epoca medievale, assunse  le forme attuali prima nel sec. XV e venne poi ricostruita tra il 1517 e il 1523 dai monaci Olivetani qui insediati fin dal 1364. Nei secoli, il complesso è stato usato per i più diversi propositi: nel periodo napoleonico fu prima caserma e poi prigione, divenne in seguito villa per il Legato Pontificio e più tardi residenza per il Re d'Italia. Inoltre, poco prima della fine dell '800, il complesso fu adibito a sede dell'Ospedale Rizzoli, dove tuttora sono sepolti i grandi ortopedici dell'Istituto.
L'armoniosa fronte rinascimentale è opera dell'architetto ferrarese Biagio Rossetti mentre il finissimo portale marmoreo si deve al senese Baldassarre Peruzzi (1522). L'elegante interno a due piani, uno per i fedeli , l'altro per il coro dei monaci, è ravvivato da preziosi dipinti e sculture dei secoli XVI e XVII. Notevoli la sagrestia e il coro avvolti da magnifici affreschi cinquecenteschi e di grande suggestione scenografica è il chiostro ottagonale della fine del sec. XVI, ravvivato dalle celebri pitture della scuola dei Carracci, in parte perdute. Nel presbiterio , la porta di destra conduce al lungo corridoio dell'antico convento, noto come il “Cannocchiale”, perchè grazie ad un effetto ottico, sembra di poter toccare la Torre degli Asinelli. (Fonte BolognaWelcome) 

4. La Finestrella di via Piella. Abbiamo citato Venezia come simbolo del romaticismo e meta degli innamorati di tutto il mondo: ed ecco la 'piccola Venezia' bolognese, quella finestrella che da via Piella si affaccia su un canale, l'unico rimasto in città. Ammirare questo inaspettato panorama che di apre in pieno centro storico è una delle cose preferite dagli innamorati che passano di qui: qualcuno, per lasciare traccia, scrive i propri nomi o sigilla un lucchetto per 'fissare' nella memoria della città il suo grande sentimento. 

5. Torre Prendiparte. La Torre dei Prendiparte è una delle pochi torri gentilizie ancora esistenti nel centro storico della città di Bologna e la si trova incastonata fra vicoli e strettoie del centro storico. Da qualche tempo è diventata un Bed and Breakfast (ma è utilizzata anche per feste private ed eventi riservati). E' il luogo perfetto per trascorrere una notte estremamente romantica a Bologna. La guida Lonely Planet l'ha inserita nel 2014 tra i 10 luoghi più straordinari in cui stare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come asciugare i vestiti quando fa freddo evitando quello strano odore di umido

  • Vince 2 milioni di euro con l'ultimo 'Gratta e vinci', il tabaccaio: "E' uscito dicendomi 'ti farò un bel regalo"

  • E' nata la figlia di Gianluca Vacchi: ecco come si chiama. Tenera foto sui social

  • Bollettino Covid, +1.413 casi in regione e 15 morti. Salgono i ricoveri

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento