menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Bando vinto, fondi in ritardo': il Teatro del Pratello 'punge' il Comune

La critica a Palazzo D'Accursio arriva dal direttore del Teatro del Pratello Paolo Billi, durante la presentazione dell'ultimo lavoro realizzato con i ragazzi in carico ai servizi di Giustizia minorile

"Abbiamo partecipato a un bando del Comune per ottenere dei contributi, chiedendo 13.000 euro, e il 14 giugno è stato pubblicato l'esito del bando, che ci ha visto tra le 20 realtà 'convenzionabili'". Tuttavia, "finora, e siamo al 29 agosto, non ci è stata data nessuna informazione, perciò non sappiamo se avremo i contributi, e a quanto ammonteranno: come facciamo a programmare le attività?".

La critica a Palazzo D'Accursio, e in particolare all'assessore alla Cultura Bruna Gambarelli, arriva dal direttore del Teatro del Pratello Paolo Billi, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'ultimo lavoro realizzato con i ragazzi in carico ai servizi di Giustizia minorile. Lavoro realizzato "con il contributo del ministero della Giustizia, della Regione, e di alcuni privati, ma senza quello del Comune".

Quello delle tempistiche di erogazione dei finanziamenti, spiega Billi, "non è un problema da poco, perché quest'anno abbiamo messo in scena alcuni lavori pagando di tasca nostra, ovviamente contando sull'arrivo dei soldi del Comune. Se però questi soldi non dovessero arrivare ci troveremmo in una situazione grave".

La questione dei ritardi, ricorda poi il direttore del Teatro del Pratello, si inserisce in un contesto già problematico, dato che "negli ultimi anni i fondi sono costantemente diminuiti: dai 12.000 euro annui dell'epoca-Cofferati siamo passati a 8.000 quando era assessore alla Cultura Alberto Ronchi".

Altro problema di non poco conto, segnala la direttrice della comunità pubblica per minori Immacolata Pisano, è quello "della chiusura, risalente al 2001, del Teatro del Pratello, per la cui riapertura esiste un progetto, ma mancano i fondi per realizzarlo". Fondi che, chiude Pisano, "potrebbero arrivare da diverse istituzioni", ma che finora non si sono visti. (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento