Prati di Caprara, progetti in ritardo, Orioli: "Piani a oggi non arrivati"

La segnalazione è dell'assessora Orioli. Per altre aree, come le caserme, i progetti sono più avanzzati

Le previsioni urbanistiche vigenti sui Prati di Caprara scadranno tra pochi mesi e per il Comune di Bologna, a questo punto, è difficile che possano trasformarsi in strumenti attuativi. A segnalarlo è l'assessore all'Urbanistica, Valentina Orioli, nel corso della presentazione del nuovo Piano urbanistico generale (Pug).

Per effetto della nuova legge urbanistica regionale, ricorda Orioli, i Piani operativi comunali (Poc) ancora in vigore "scadranno tutti il 31 dicembre 2020" e i titolari dei diritti, di conseguenza, devono presentare una proposta di Piano urbanistico attuativo (Pua) "entro questa data", se vogliono procedere.

Non a caso, sul tema "c'è già un ingorgo- spiega Orioli- nel senso che la grande maggioranza di chi è titolare di questi diritti si sta organizzando per presentare delle proposte". Per quanto riguarda, il Poc "Rigenerazione di patrimoni pubblici", fa il punto il dirigente Francesco Evangelisti, le proprietà dell'ex caserma Sani, dell'ex caserma Mazzoni e dello scalo Ravone "ci hanno presentato delle ipotesi di rigenerazione che stiamo iniziando a valutare". Mentre da Invimit, per i Prati di Caprara, "non ci è pervenuta una proposta così avanzata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Orioli prosegue: "C'è tempo fino a dicembre e non possiamo escludere che avvenga", dichiara Orioli, però la partita "è molto complessa" e "francamente mi sembra difficile si possa arrivare ad un Pua su questo tipo di area". Infatti serve "una proposta complessiva", cioè su tutta l'area, che "poi può essere articolata per stralci- spiega Orioli- ma necessita di valutazioni importanti sugli aspetti ambientali e le richieste di infrastrutturazioni e attrezzature pubbliche sono elementi che vanno studiati con attenzione da parte dei privati che presentano una proposta". (Pam/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Aggressione in casa: tenta violenza sessuale, lei scappa in strada

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento