Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza Maggiore

Mamme e maestre infuriate a Palazzo d’Accursio: “Trattativa per i nidi oppure sciopero”

Fischietti e megafoni per minacciare uno sciopero "se non si apre subito una trattativa, in piazza a settembre". Si manifesta contro i silenzio del Comune: "A casa 41 precari"

Una cinquantina di manifestanti fra mamme e maestre insieme agli esponenti del sindacato Massimo Betti e Luigi Marinelli, si sono presentate in Comune per protestare contro la presunta indifferenza delle istituzioni riguardo alla situazione nidi e il taglio di 41 educatrici precarie: “O si riapre la trattativa oggi, anzi adesso, oppure apriamo la vertenza e domattina arriva la lettera di convocazione in Prefettura in vista di uno sciopero a settembre”.

CARTELLI E SLOGAN. “No alla riorganizzazione dei nidi”, “No alla privatizzazione e chiusura dei nidi”, “Aaa nido vendesi, cooperativa cercasi”. Questi gli slogan comparsi su striscioni e cantati a squarciagola per portare l’attenzione sulla politica dei nidi.   

IL RITARDO. I manifestanti hanno espresso la loro rabbia per il ritardo con cui le istituzioni hanno provveduto alla convocazione: “le maestre sono state chiamate solo in luglio, dopo che i contratti si sono chiusi in giugno”. Hanno lamentato anche una mancanza di trasparenza da parte del Comune e dell’assessore Marilena Pillati, che “non ha nemmeno scritto un documento di indirizzo e poi ha dichiarato ai giornali che pensa a “Reggio children”, cioe’ a un servizio solo al 50% pubblici”, precisa Betti ai microfoni dell’agenzia Dire.

USB. L’Usb ha indetto un referendum sulla riorganizzazione dei nidi comunali al quale “hanno gia’ votato 400 educatrici su 750” e che si concludera’ il 19: “Vi invitiamo a venire allo spoglio e vedere quante sono d’accordo con la vosta idea”, dice Betti. 

ASSESSORI. Tre gli assessori che escono dall’aula del Consiglio per ascoltare le proteste: Luca Rizzo Nervo (Sport e Sanita’), Nadia Monti (Commercio e Attivita’ produttive) e la vicesindaco con delega al Bilancio Silvia Giannini A Palazzo però non ci sono né Merola e né la Pillati, quindi promette Rizzo Nervo: “Porteremo le vostre istanze in Giunta, ma e’ anche vero che un incontro noi lo avevamo convocato, pure se ora mi si dice che era fuori tempo massimo”.
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mamme e maestre infuriate a Palazzo d’Accursio: “Trattativa per i nidi oppure sciopero”

BolognaToday è in caricamento