Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, presidio davanti al Sant'Orsola: "Nessun profitto sulla pandemia, vaccino bene comune" | VIDEO

La manifestazione in occasione della "giornata di mobilitazione internazionale contro le speculazioni delle multinazionali sui vaccini"

 

Sospensione immediata dei brevetti sui vaccini per la covid-19, controllo e ricerca pubblici, trasparenza sulla produzione e sulla campagna vaccinale. Sono queste le richieste della rete di varie realtà, sociali e politiche, che ha promosso la campagna No Profit On Pandemic / Nessun profitto sulla pandemia, a livello europeo e nazionale. A Bologna il presidio, promosso tra le altre da Usb, Noi Restiamo e Potere al Popolo, si è svolto su viale Ercolani, davanti all'ingresso dell'Ospedale Sant'Orsola.

"Bisogna sbloccare questo scandalo dei vaccini sotto brevetto – dice Luigi Marinelli di Usb Emilia-Romagna – ormai siamo arrivati all'esasperazione, mettendo davanti a tutto la questione dei profitti rispetto alla salute. L'appello è rivolto sì al governo nazionale, ma anche a quello regionale: il presidente della Regione Stefano Bonaccini ha affermato che il vaccino è bene comune, ok, ma abbiamo bisogno di avere azioni politiche conseguenti. Non è possibile che i vaccini debbano essere prodotti esclusivamente da queste multinazionali e non si possano produrre anche in loco per garantire a tutti la vaccinazione il prima possibile". 

Le richieste

  • Salute per tutte e tutti. Non si può lasciare nelle mani di aziende private il potere di decidere chi abbia accesso a cure e vaccini e a quale prezzo.
  • Trasparenza, chiarezza, informazione: i dati sui costi di produzione, sui fondi pubblici investiti, i contratti tra le autorità pubbliche e le multinazionali di Big Pharma devono essere resi pubblici.
  • Controllo pubblico: visto che ai vaccini si è arrivati grazie alla ricerca finanziata dalle tasse dei cittadini e delle cittadine, il controllo di queste tecnologie deve rimanere nelle mani del popolo.
  • Nessun profitto sulla pandemia: il coronavirus è una minaccia collettiva che richiede una risposta improntata alla solidarietà, non alla volontà di profitto di qualche privato

Anche in Emilia-Romagna divieto di utilizzo del lotto di vaccino AstraZeneca

Coronavirus, bollettino 11 marzo: +911 a Bologna, in Emilia-Romagna quasi 11mila decessi

Covid, 14enne ricoverato in terapia intensiva al Sant'Orsola: è grave

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento