Prezzi delle case, Bologna resta tra le città più care

Uno studio Tecnocasa conferma il trend dei prezzi per l'acquisto degli immobili. Con un budget di 200mila euro sotto le Torri si riescono a comprare in media 83 mq di superficie abitabile

Quanti metri quadri di abitazione si possono comprare con un budget di 200mila euro, a Bologna? La domanda se la è posta uno studio di Tecnocasa, che ha messo a confronto le principali città del Paese. Il riferimento è l'immobnile “medio usato” rilevato nel secondo semestre del 2019 (sono quindi esclusi i top prices). Si sono considerate tutte le dieci grandi città.

Bologna, dove nel 2019 c’è stata una crescita dei prezzi del 10,4%, diventa la quarta città più cara, dove si comprano 83 mq. Segue quinta a pochissima distanza Napoli, con 85 mq

Rispetto ad un anno fa, si fa sentire l’aumento dei prezzi che ha ridotto le metrature acquistabili a Milano. Il capoluogo lombardo che nel corso del 2019 ha visto salire i suoi prezzi del 13% diventa la città più costosa. Infatti, con 200 mila € si possono acquistare intorno a 58 mq, 9 mq in meno rispetto ad un anno fa.

Al secondo posto si piazza la capitale dove, con questo budget, si possono acquistare 70 mq, che diventano 37 mq in centro. Anche in centro a Milano si possono acquistare gli stessi metriquadrati. Al terzo posto tra le città più costose c’è Firenze dove, con 200 mila €, si acquista in media un immobile di 72 mq.

Più economiche in assoluto, quindi con la possibilità di acquistare un immobile più spazioso, sono Palermo e Genova: nella prima si possono acquistare ben 177 mq, nella seconda 173 mq.

prezzi 2020 mq 200K-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

Torna su
BolognaToday è in caricamento