rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Castenaso

Profughi al Living Place Hotel di Villanova. "Arrivano donne sole con i loro bimbi. Raggiungono le loro connazionali"

"Cresce la rete dell'accoglienza nella comunità per offrire non solo un tetto e pasti ma vera integrazione". Così Il Comune di Castenaso organizza il compleanno della piccola Maria, appena 4 anni e già tanta strada sotto le suole

Appena quattro anni Maria, da compiere martedì 8 marzo. Negli occhi e sotto le scarpe già tanta strada, fatta verso l'Italia assieme alla mamma Galina e alla cugina Kira per raggiungere la zia Ina. L'Ucraina che hanno lasciato, devastata dal conflitto, sarà per sempre casa ma a Castenaso troveranno senz'altro una città accogliente, come una famiglia.

E in famiglia i compleanni si festeggiano: ecco perché ieri  al Living Place Hotel dove Maria ha trovato ospitalità, è stata organizzata una piccola festa per la piccina.  "Un momento di piccola gioia, meritata - sottolinea l'amministrazione comunale -  Inevitabile che il pensiero andrà al papà e ai nonni rimasti in Ucraina, ma nel soffiare sulle sue 4 candeline c'è il senso del far parte di una nuova comunità... Cresce la nostra rete dell'accoglienza per offrire non solo un tetto e pasti ma vera integrazione".

Profughi accolti al Living Place Hotel di Villanova. Famiglie mettono a disposizione anche le lore case

Il compleanno di Maria ha rappresentato anche un momento di benvenuto per tutti i rifugiati, attesi in numero crescente nei prossimi giorni. E' il Living Place Hotel di Villanova ad essere stato individuato come soluzione di accoglienza temporanea grazie all'intesa tra l'azienda e l'Amministrazione comunale. Ad oggi 9 marzo a Castenaso dono 40 le persone accolte, tra la struttura alberghiera e i domicili privati.

"La speranza - si legge in una nota del Comune di Castenaso - è che Asp Città di Bologna possa accoglierlo all'interno del SAI Sistema Accoglienza Integrazione, con 300 posti in tutta l'area metropolitana bolognese. E c'è la certezza di poter contare sulla generosità dei castenatesi, dimostrata già da due famiglie che hanno messo a disposizione per la rete SAI altrettanti appartamenti, uno dei quali è tuttora occupato da un nucleo di 3 persone".

Rifugiati Ucraina, a Bologna + 350 arrivi in due giorni: i numeri in città e in Emilia-Romagna

L'assessore Sapienza: "Arrivano solo donne e bambini. Raggiungono qui le loro connazionali"

"Sono solo donne, con i loro bambini. Raggiungono altre donne ucraine, già da noi a prendersi cura dei nostri anziani e delle nostre famiglie. Riescono ad arrivare da sole, con viaggi sul filo del rasoio. Oppure sono raggiunte da donne - sorelle, madri, cugine, zie - che partono da qui e si fanno 3000 km da sole, in macchina. Per andare a prenderle superano la paura di perdere la vita sulla frontiera", considera Lauriana Sapienza, assessora al Welfare e Immigrazione del Comune di Castenaso.

"La piccola Maria, arrivata pochi giorni fa, compie 4 anni e abbiamo pensato — rimarca — di regalarle un po' di gioia festeggiando il suo compleanno, con una bella torta offerta da Gino Fabbri e l'animazione curata dal gruppo scout Villanova 1. Un momento emozionante che speriamo restituisca serenità e normalità a chi sta pagando il prezzo più caro, i bambini e le bambine".

(IN FOTO Lauriana Sapienza, assessora al Welfare e Immigrazione del Comune di Castenaso. ph Facebook)

In fuga dalle bombe, le testimonianze

A San Lazzaro i primi 12 profughi ucraini accolti a scuola | VIDEO 

Nella Chiesa ucraina con le volontarie: "Cuore e anima nella mia terra bombardata" | VIDEO

I primi profughi ucraini arrivati a San Lazzaro  - VIDEO 

Il sindaco di Crevalcore al confine dell'Ucraina per riunire una famiglia: "Neve e gelo, stiamo tornando"

"Olena non mangiava e non dormiva": al lavoro le organizzano il viaggio in Ucraina per salvare figlia e nipotini 

Mamma Nadia, papà Paolo e i loro nove figli in salvo a Loiano: la loro casa sbriciolata sotto le bombe 

A 18 anni, in fuga dalla guerra e in lotta contro la laucemia: sarà curato in Emilia

Olga in fuga da Kiev con la figlioletta: "Scappati di fretta, senza green pass, un'odissea" 

Profughi ucraini arrivati a San Lazzaro: "Ho guidato per 35 ore con mia madre e miei tre figli"|VIDEO

Bimba in adozione, poi la fuga (appena in tempo) dalla guerra verso Bologna 

Dall'Ucraina a Bologna: "Fuga nella notte. 15 km di coda al confine. Racconto e mi sembra tutto surreale" 

Guerra, comunità Ucraina in piazza: "Angosciati, abbiamo lì figli e genitori"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi al Living Place Hotel di Villanova. "Arrivano donne sole con i loro bimbi. Raggiungono le loro connazionali"

BolognaToday è in caricamento