rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

Alle scuole medie bolognesi viene chiesta "Un'idea che cambia il mondo"

Premi utili all'apprendimento alla classe più "geniale": al concorso partecipano anche le scuole di Bologna, invitate allo sviluppo della creatività

La scuola è cominciata ormai da qualche tempo e si fanno strada fra i banchi delle classi, anche i progetti didattici: strumenti didattici e premi di merito, per stimolare i ragazzi e portare nelle scuole strumenti utili all'apprendimento. Quest'anno, per le scuole medie bolognesi arriva il percorso didattico Un’idea che cambia il mondo. Sei, l’azienda nota nel settore dei prodotti per l'ufficio e per la scuola presenta la seconda edizione di un progetto che ha già portato in 1.000 classi CreatIvo, il character “cervellone” impersonificazione del pensiero creativo che ognuno di noi possiede e che ha il compito di stimolare i ragazzi a immaginare, ideare, concretizzare i propri pensieri.

I fratelli Andrea e Riccardo Rota, che di idee se ne intendono (proprio come il loro papà, l’inventore delle “buste con foratura” per raccoglitori ERCOLE e ATLA), si dimostrano già impazienti di vedere di quali brillanti intuizioni saranno capaci i giovani studenti: “Dopo il successo dell’esordio, siamo orgogliosi di annunciare la seconda edizione del percorso didattico Un’idea che cambia il mondo, incentrata sullo sviluppo della creatività applicata a diverse materie scolastiche. Crediamo sia importante che  anche  la  scuola  aiuti  ogni  ragazzo  a  sviluppare  le  sue  potenzialità,  la  sua  autostima e la sua creatività; accoglieremo le classi per le visite didattiche e saremo felici, al termine del progetto, di premiare i migliori elaborati con strumenti utili all’apprendimento, proprio in un momento in cui la scuola non gode di molte risorse”.   

La parola d’ordine di questa seconda edizione è “interdisciplinarità”. Il progetto infatti si amplia e, oltre ai docenti dell’area tecnico-scientifica, coinvolge anche quelli delle aree umanistica e artistica con lo sviluppo di un collegamento fra materie e professori. Il meccanismo è semplicissimo: dopo aver richiesto il kit didattico alla segreteria organizzativa, è sufficiente scaricare dalla pagina www.seirota.it/unideachecambiailmondo le schede dell’area di interesse, studiare in classe un elaborato dove sia messa all’opera la creatività (all’interno di una delle tre aree o in modo interdisciplinare) e farlo pervenire alla Giuria entro il 19 aprile 2013. Entro maggio 2013, la Giuria di esperti SEI esaminerà gli elaborati, selezionerà 12 classi in base a originalità, attinenza al tema ed effettiva possibilità di realizzare il progetto presentato. Verranno scelte le prime migliori 3 classi di ogni area di riferimento per un totale di 12. I lavori  scelti faranno aggiudicare alla classe di appartenenza, rispettivamente, per ciascuna delle 4 aree:

1° classificata: un personal computer con stampante, 2° classificata: kit di prodotti assortiti SEI per la scuola per un valore di 500 euro, 3° classificata: kit di prodotti assortiti SEI per la scuola per un valore di 300 euro

Alle prime 10 classi che ne faranno richiesta, sarà inoltre possibile prenotare una visita all’azienda SEI: un  modo  per  rendere  ancora  più  concreto  e  divertente  il  percorso  svolto  in  classe. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alle scuole medie bolognesi viene chiesta "Un'idea che cambia il mondo"

BolognaToday è in caricamento