Film a luci rosse in Piazza Maggiore: la raccolta fondi supera le aspettative, donazione alla Cineteca

Ha pagato la multa e "dato il sostegno e la comprensione dimostrati, ho deciso di donare tutta la rimanenza in collaborazione con la Cineteca di Bologna"

"Sono sollevato, commosso, fiero di quante persone si siano mobilitate per salvarmi la pelle davanti a minacce da buoncostume che reputo fuori da questa linea temporale da almeno 60 anni". Così Carlo Ferretti, l'autore della proiezione del film a luci rosse sullo schermo di Piazza Maggiore "la notizia più chiacchierata e 'memata', abbiamo sottolineato quanto bigotte e ipocrite siano tutt'ora delle sovrastrutture che regnano nella nostra nazione che se da un lato vuole essere faro di progresso, dall'altro ha dei macigni culturali come zavorre" continua Ferretti nel suo posto su Facebook. 

Per pagare la multa da 5mila euro, lo studente dell'Alma Mater e goliarda aveva lanciato una raccolta fondi sulla piattaforma paypal rivolta "a tutti i simpatizzanti di un gesto del genere un contributo, per salvare una carriera universitaria e per difendere la libertà di espressione" che ha superato la cifra necessaria: "Ringrazio tutti quelli che hanno donato e che hanno contribuito a diffondere la notizia, ringrazio l'Impero delle Terre del Nord, la mia Balla, che mi ha sostenuto quando sembrava che avrei dovuto pagare tutto da solo e ringrazio la Goliardia Bolognese che si è mossa prontamente per aiutarmi, perché quella che per tutti è stata una bravata eccezionale per noi Goliardi è stato solo uno scherzo come tanti che ha raggiunto per caso una risonanza nazionale - e non dico tanto per dire. L'Italia ha anche bisogno di giocare e I Goliardi lo fanno in continuazione, tra un esame e l'altro" scrive Ferretti "lo dimostra l'intervista di Farinelli - che cura la cineteca - e che ha riconosciuto lo stampo del nostro gesto".

Carlo ha pagato la multa e "dato il sostegno e la comprensione dimostrati, ho deciso di donare tutta la rimanenza in collaborazione con la Cineteca di Bologna sostenendo le loro magnifiche operazioni, sperando che prima o poi mi facciano proiettare qualche clippino un po' più osé. Il pubblico per quella roba ce l'abbiamo… - e conclude - invitando tutti I Goliardi che conosco a fare senza timore quella cazzata in più che non può che far bene alla società: oggi abbiamo avuto la dimostrazione che, almeno nel faceto, il bene trionfa sempre". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Scatta oggi la nuova ordinanza: le restrizioni si allentano, cambiano le regole del commercio

Torna su
BolognaToday è in caricamento