"Il mondo ha bisogno delle donne": la raccolta fondi di Despar sostiene Udi Bologna

Dal 24 febbraio al 4 marzo, in tutte le filiali Despar, Eurospar e Interspar

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Stando al Global Gender Gap Report 2017, redatto dal World Economic Forum, la parità dei diritti tra uomini e donne, nel mondo, sarà raggiunta soltanto nel 2186 – sempre che il cammino proceda in avanti, e non si regredisca come l’Italia, scesa lo scorso anno dal 41° all’82° posto in classifica (dopo Paesi in via di sviluppo, come Burundi e Mozambico). Eppure il mondo – come il Bel Paese - ha bisogno delle donne: secondo una ricerca della Banca d’Italia, se in Italia ci fosse una reale parità di accesso al lavoro, il PIL nazionale crescerebbe del 7%. “Il mondo ha bisogno delle donne” è anche lo slogan della raccolta fondi promossa da Aspiag Service (la concessionaria Despar per il Triveneto e l’Emilia Romagna) a favore di quattro diverse realtà locali che si occupano dei diritti e del benessere delle donne, e di lotta alla violenza di genere. L’iniziativa sarà attiva dal 24 febbraio al 4 marzo 2018 in tutte le filiali Despar, Eurospar e Interspar in Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige: i clienti potranno arrotondare l’importo del loro scontrino con un’offerta libera, che sarà evidenziata sullo scontrino stesso con la dicitura “Per le donne”. È l’amministratore delegato di Despar, Paul Klotz, a spiegare la ragione che ha spinto il marchio con l’abete a impegnarsi nella raccolta fondi: “Non si tratta soltanto di dare un supporto economico a realtà che compiono un servizio prezioso nel nostro territorio, ma anche e soprattutto di dare visibilità a tutto il loro lavoro, e collaborare per la sensibilizzazione di tutti verso quelle aree ancora critiche in cui – come parte della società civile – siamo chiamati a intervenire per rendere possibile una vera integrazione e una vera parità dei diritti. E questo non perché le donne debbano essere trattate come una specie protetta e fragile, ma perché il mondo ha davvero bisogno del loro pieno e libero contributo umano, professionale e creativo”. In Emilia Romagna il contributo andrà a sostenere le attività della sede di Bologna di U.D.I. – Unione Donne in Italia, nata nel 1944 con lo scopo di aprire il percorso di emancipazione e per il riconoscimento di diritti per tutte le donne. A Bologna, inoltre, UDI opera per la conservazione e la valorizzazione della memoria storica delle donne, e mette a disposizione di tutte le donne competenze in ambito di diritto di famiglia e contro la violenza di genere. La Presidente di UDI Bologna, Katia Graziosi, commenta così l’iniziativa con Despar: “Oggi per realizzare un autentico cambiamento di cultura e di mentalità, e per un rapporto rispettoso e di potere equo tra donne e uomini, è necessario l’apporto di tutte le parti della società civile. Ben vengano iniziative come questa, mirate a sensibilizzare e a creare un concreto sostegno all’associazionismo che opera ogni giorno sul territorio. UDI utilizzerà il contributo di Despar per promuovere momenti formativi di prevenzione nei confronti dei giovani, in particolare nelle scuole, nonché per fornire alle donne in difficoltà e che vivono in situazioni di sopraffazione e violenza tutti gli strumenti informativi e legali per far valere i loro diritti”. I fondi raccolti verranno consegnati il prossimo 8 marzo, in occasione della Festa della Donna.

Torna su
BolognaToday è in caricamento