Raccolta rifiuti indifferenziata in centro: stop porta a porta, arrivano i cassonetti 'smart'

La distribuzione si completa entro dicembre, divisa per zone. Tutte le fasi del cambio, che va a sostituire la raccolta porta a porta. Uffici aperti per ritirare la nuova tessera

Da lunedì 28 ottobre inizierà la distribuzione dei cassonetti dei rifiuti indifferenziati nel centro di Bologna, portando al pensionamento del sistema di raccolta porta a porta per questo tipo di rifiuto.

I nuovi cassonetti saranno in tutto 270: funzioneranno con il sistema dello sportello, e si aprono solo con la carta Smeraldo, anch'essa in fase di distribuzione ai titolari di Tari residenti in centro storico da settembre. In fase di avvio invece l'implementazione con l'App Rifiutologo di Hera. Per buttare la indifferenziata occorrerà apporre la tessera davanti al lettore, il quale apre lo sportello. I sacchetti devono essere max 35 litri di capacità.

Quanto alla diffusione vera e propria, si comincia dalla zona nord del centro storico: qui l’ultimo giorno di raccolta porta a porta per chi espone il sacchetto indifferenziato sarà lunedì 2 dicembre 2019. Per la zona sud del centro storico, l’ultimo giorno di raccolta porta a porta dei rifiuti indifferenziati sarà giovedì 26 dicembre.

Cumuli di rifiuti porta a porta, l'assessore apre: 'Vero, raccolta migliorabile'

La zona nord è delimitata dalle vie: San Felice (numerazione dispari), Ugo Bassi (numerazione dispari), via Rizzoli (numerazione pari), Strada Maggiore (numerazione pari), viale Silvani, viale Pietramellara, viale Masini, viale Berti Pichat, viale Filopanti e viale Ercolani.

La zona sud è delimitata dalle vie: San Felice (numerazione pari), Ugo Bassi (numerazione pari), via Rizzoli (numerazione dispari), Strada Maggiore (numerazione dispari), viale Carducci, viale Gozzadini, viale Panzacchi, viale Aldini, viale Pepoli, viale Vicini.

Da dicembre, oltre che con la Carta Smeraldo, il cassonetto si potrà aprire anche con lo smartphone utilizzando l’app gratuita Il Rifiutologo. Progressivamente la Carta Smeraldo verrà consegnata a tutti gli intestatari della Tari del Comune di Bologna: al momento serve solo per aprire il cassonetto dell’indifferenziata e non comporta alcuna variazione della Tari.

In futuro, come previsto dalla legge regionale, permetterà di calcolare la Tari anche sulla base della reale produzione di rifiuti indifferenziati, garantendo così maggiore equità. L’obiettivo è aumentare la raccolta differenziata, ridurre i rifiuti e salvaguardare l’ambiente.

Riuti, 'effetto discarica' raccolta porta a porta: il Comune tratta con Hera

All’URP di Piazza Maggiore 6, inoltre, è aperto l’Ecosportello dove le cittadine e i cittadini che non erano in casa al passaggio dei tutor di Hera possono ritirare la Carta Smeraldo. L’Ecosportello sarà aperto fino a sabato 11 gennaio 2020, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13 e dalle 14 alle 19 e il sabato dalle 8.30 alle 13.

Per chi ha tempo e vuole saperne di più oggi, martedì 22 ottobre alle 18 nella sala “Marco Biagi” del Quartiere Santo Stefano è in programma l'ultimo incontro sul tema, dove sarà presentetra tra gli altri anche dall'assessore Aitini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo: allagamenti e smottamenti, fiumi esondati e oltre 300 persone evacuate

  • I Mercatini di Natale a Bologna: il calendario 2019

  • Maltempo: massimi livelli di allerta a Budrio, Castel Maggiore e Malalbergo, salvata coppia

  • Maltempo Bologna, emesso il nuovo bollettino meteo: è ancora allerta, piogge fino a notte

  • Dipendenti infedeli colpiscono Hera, furto da mezzo milione di euro sulle bollette

  • Castenaso: accoltella la moglie e si butta sotto un treno

Torna su
BolognaToday è in caricamento