menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Racket pompe funebri: vertice Comune-Regione

Il sindaco ha concordato l'incontro per il 22 gennaio: 'Impedire che questi fatti possano avvenire ancora. Purtroppo è successo a Bologna...'

Provvedimenti a valle dell'inchiesta sul racket delle pompe funebri, ossia la spartizione dei funerali nei due grandi ospedali cittadini, venerdì si terrà la riunione del cda di 'Bologna servizi cimiteriali' per sancire le dimissioni dell'ad, arrestato nell'ambito dell'inchiesta, e nominare un nuovo dirigente. Una figura che dovrà essere "concordata col Comune e improntata a garanzia e terzietà, non espressione diretta delle imprese".

Lo dice il sindaco di Bologna, Virginio Merola, intervenuto oggi in apertura del Consiglio comunale. "Ho concordato un incontro con la Regione- spiega il sindaco- per valutare cosa non ha funzionato e per condividere un sistema più efficace". Il vertice è in programma domani, tra gli assessori alla Sanità di viale Aldo Moro e Palazzo D'Accursio, Sergio Venturi e Giuliano Barigazzi.

Si valuterà dunque una "migliore rotazione del personale e un'estensione dell'attività di ispezione". Il Comune è disposto anche a mettere a disposizione la "Polizia mortuaria" per collaborare, inoltre "non c'è nessuna responsabilità politica o di omissione di controllo da parte del Comune, come affermato in maniera demagogica in questi giorni "Ma è soprattutto ai parenti dei defunti, che sono colpiti in un momento in cui il dolore più grande viene fatto oggetto di squallido mercimonio, che dobbiamo pensare in termini di vicinanza, ma anche di azione rapida, riparatrice e determinata per cercare di impedire che questi fatti possano avvenire ancora. Purtroppo è successo a Bologna..."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Superenalotto, la dea bendata bacia Vergato: centrato un '5'

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento